Bach, Händel, il barocco strumentale, ma anche l’Ottocento e le emozioni intense del nostro teatro d’opera: l’organo di San Giovanni dedica le più belle pagine sacre del repertorio musicale ai bambini colpiti dal terremoto lo scorso 24 agosto.

Venerdì 30 Settembre – alle ore 21.00 – si terrà un concerto d’organo nella Chiesa San Giovanni Battista di Cervo:  alla tastiera Nicholas Tagliatini  e  Paolo Bertolotto.


Serata a cura delle Confraternite del Golfo Dianese: Santa Caterina d’Alessandria di Cervo, San Bernardino e Santa Croce di Diano Castello, Santa Croce di Diano Borello, Santa Brigida di Cervo, SS. Annunziata di Diano Marina.

L’incasso  del concerto sarà devoluto all’organizzazione nazionale “Telefono azzurro” , che gestisce un progetto di prevenzione per i traumi psicologici dei bambini che hanno vissuto il sisma.

 

“In questi casi si pensa sempre – giustamente – alla ricostruzione dei paesi, alle case, ai servizi – afferma Lino Macrì, Assessore all’Ambiente e ai Servizi Sociali del Comune di Cervo. – Noi riteniamo importante, anzi indispensabile, curare anche il disagio dei più piccoli, aiutarli a superare il trauma vissuto, prevenire, ove possibile, i danni psicologici che un’esperienza del genere può provocare in loro. L’equilibrio e la serenità dei bambini sono preziosi, il loro benessere deve essere un nostro comune obiettivo: i piccoli sono il futuro del nostro paese, non possiamo sottovalutare i loro silenzi e le loro paure”.

L’ organo di Cervo è stato costruito da Carlo Giuliani, Genova 1844 (Cartiglio a penna). La cantoria lignea in cassa è addossata a controfacciata. Prospetto a unica campata di 28 canne con bocche allineate e labbro superiore a mitria.