Il primo “matrimonio” gay tra persone dello stesso nel Tortonese è stato celebrato a Sarezzano.

Lo ha officiato il sindaco Roberto Gastaldi nel pomeriggio di Lunedì 26 settembre alle 17 quando Roberto e Massimiliano rispettivamente di 40 e 45 anni che da tempo vivevano insieme in una casa del paese hanno deciso di legalizzare la loro unione civile.


Il si’ e’ stato salutato da un grande applauso.
“E’ stata una grande emozione – hanno detto al termine della cerimonia i due uomini – per noi da oggi inizia una nuova vita.”

Per un paese piccolo come Sarezzano si è trattato sicuramente di un evento particolare, l’evoluzione tangibile, sotto gli occhi di tutti, del termine “famiglia” che se prima era intesa come unione naturale tra un uomo e una donna oggi non la è più.

Il popolo Cristiano ovviamente si ribella e non è d’accordo, ma un pubblico ufficiale quale è un sindaco come Roberto Gastaldi non può permettersi commenti, ed infatti il suo è stato laconico.

“Ho fatto il mio dovere – dice – la legge lo permette e i due avevano presentato tutti i documenti necessari a sancire l’unione in municipio. La società sta cambiando e il loro stato sociale ormai è accettato da tutti.”

In paese infatti non ci sono state proteste o prese di posizione da parte dei numerosi cattolici che abitano a Sarezzano.

I due d’altro canto vivono insieme già da molto tempo: uno è originario di Sarezzano l’altro è arrivato da Napoli e si è stabilito qui con lui.

I due, secondo quando emerso in paese, conducono una vita assolutamente normale, lavorano e non hanno mai effettuato effusioni in pubblico, cosa che può dare molto fastidio ai praticanti cristiani.

Insomma due persone che a quanto pare sono anche accettate per come sono dagli abitanti del paese e che adesso finalmente hanno sancito ufficialmente la loro unione.