Nel pomeriggio del 27 aprile i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Alessandria hanno svolto un servizio coordinato finalizzato al contrasto dello spaccio di stupefacenti, controllando in particolare la zona dei giardini pubblici nel lato di corso Crimea. Il servizio, con militari in uniforme e in borghese, permetteva di controllare diversi stranieri che sono soliti stazionare sulle panchine del giardino, molti dei quali sono pregiudicati proprio in materia di stupefacenti.

Uno di loro alla vista dei militari si alzava nel tentativo di allontanarsi per evitare il controllo, ma veniva subito fermato e perquisito. L’uomo, già ben conosciuto dai militari, veniva identificato in un cittadino marocchino di 29 anni, pregiudicato. Nel corso della perquisizione personale, all’altezza della cucitura della manica destra della maglia che indossava, i militari trovavano un pezzo di hashish di 23 grammi circa che veniva sequestrato e l’uomo, che non svolge alcuna attività lavorativa, veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.


In sua compagnia veniva fermato e controllato un cittadino marocchino di 28 anni, pluripregiudicato e scarcerato di recente, che nel momento dell’identificazione, alla richiesta di esibire il permesso di soggiorno, ne era sprovvisto e si trovava illegalmente nel territorio nazionale. Veniva anche accertato che il 28enne era già stato denunciato per lo stesso reato e, di conseguenza, veniva accompagnato in caserma dove veniva fotosegnalato e nuovamente denunciato all’Autorità Giudiziaria per il suo stato di clandestinità e veniva avviata nei suoi confronti una nuova procedura di espulsione dal territorio nazionale.