Presso la la Sala delle Lauree del Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali (DIGSPES) dell’Università del Piemonte Orientale – sede di Alessandria, è stato firmato questa mattina un protocollo di intesa finalizzato a sostenere lo sviluppo e la realizzazione di progetti di mobilità urbana, accesso e fruizione di luoghi pubblici per le persone con disabilità.

Presenti, per il Dipartimento DIGSPES, il Direttore Salvatore Rizzello, per il Comune di Alessandria, l’Ass. Marcello Ferralasco e, per l’Associazione Idea onlus, il Presidente Paolo Berta.


Negli interventi preliminari alla firma, il prof. Rizzello, dando il “benvenuto” ai presenti, ha illustrato le peculiarità del Protocollo di Intesa. «Un nuovo importante strumento che, in coerenza e continuità con un precedente protocollo di intesa siglato il 5 marzo 2015 tra Comune di Alessandria, Politecnico di Torino e Università del Piemonte Orientale sui temi della “Mobilità sostenibile, programmazione energetica e rigenerazione urbana”, aggiunge ulteriori specificità di contenuto e prevede la costituzione di tavoli di lavoro di indirizzo e operativi, garanti della programmazione condivisa per la costituzione e gestione di tutte le attività previste dal progetto».

I tre rappresentanti dei Soggetti firmatari hanno ringraziato per la presenza all’incontro e per l’attenzione dimostrata il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Alessandria, avv. Piero Monti, il Direttore della Scuola Forense professoressa Lombardi, i rappresentanti dei Dottoranti del Dipartimento e quelli dell’Ufficio Disabilità del Comune.

Il senso di “mettere in rete” e di operare sinergicamente tra diversi Soggetti istituzionali è emerso anche dagli interventi dell’Ass. Ferralasco e del Presidente dell’Associazione Idea onlus.

In particolare, l’ass. Ferralasco ha sottolineato l’esigenza che «rispetto alle cornici normative e regolamentari in materia di progettazione si cerchino insieme soluzioni attuative in grado realizzare un contesto urbano e una città che siano veramente “universali” ossia accoglienti e accessibili per tutti. L’importanza di questo protocollo va posta in relazione sia all’impegno continuo dell’Amministrazione Comunale nei confronti di queste tematiche sia, per altro verso, ad una contingenza molto importante: quella della revisione del Piano Generale del Traffico Urbano e del Piano della Mobilità sostenibile che è stata avviata in questi giorni nel nostro Comune e che aiuterà a leggere il territorio alessandrino in modo non più “segmentato”, ma complessivo, “universale” e a favore di una vera accessibilità per tutti».

Paolo Berta, infine, ricordando l’azione portata avanti da tanti anni dall’Associazione Idea onlus, ha richiamato gli obiettivi primari del Protocollo che, «nel favorire la collaborazione tra i tre Soggetti firmatari, intende in particolare: a) monitorare l’efficacia degli interventi in tema di lavori pubblici e urbanistica per la fruizione dei luoghi pubblici da parte di persone con disabilità; b) elaborare proposte di semplificazione normativa e buone pratiche per la mobilità urbana, l’accesso e fruizione di luoghi pubblici, per le persone con disabilità; c) favorire e incrementare la collaborazione tra Enti Pubblici e Privati in modo che i diversi soggetti, istituzionali e non, si riconoscano nelle finalità comuni da raggiungere attraverso le rispettive competenze».