Generalmente cerchiamo di trattare le notizie di cronaca nel modo più asettico e indolore possibile, cercando di non “ritornare” a parlare della morte di una persona se non é strettamente necessario, ma tra i tanti giornali che venerdì hanno scritto del decesso per incidente stradale di Maria Grazia Stella dopo che noi siamo stati fra i primi a doverlo annunciare giovedì, abbiamo visto fotografie  della macchina accartocciata o immagini  sbiadite dell’infermiera castelnovese, poi abbiamo visitato il suo profilo Facebook e non abbiamo potuto fare a meno di osservare il suo volto: lo sguardo profondo con gli occhi in primo piano.

L'immagine completa tratta da suo profilo Facebook

L’immagine completa tratta da suo profilo Facebook

Un’immagine che lei stessa aveva scelto per caratterizzare la sua identità in questo mondo dove i social network sembrano indispensabili. E’ allora abbiamo pensato che forse era giusto ricordare in maniera diversa, da come hanno fatto i nostri colleghi, Mary (così si faceva chiamare Maria Grazia) unendoci ai numerosi amici che hanno voluto lasciare un ricordo sul suo profilo Facebook


Commenti di amici sgomenti per una giovane donna che in un attimo ha perso la cosa più preziosa che aveva, cioé la vita.

In momenti come questo che gettano nello sconforto un paese come Castelnuovo Scrivia dove Mary era molto conosciuta e tante persone che l’hanno apprezzata quando lavorava in ospedale a Voghera, al centro Paolo VI di Casalnoceto o in tanti altri altri luoghi, é difficile trovare parole così abbiamo deciso di pubblicare in prima pagina il suo sguardo: quello profondo, con gli occhi profondi che fissano un punto indefinito che forse guardano in un futuro che adesso non é più su questa Terra.

Una piccola foto per ricordare Mary,  a testimonianza del suo passaggio in questa vita, troppo corta e forse ancora incompleta.