In occasione della festa della donna, il Comune di Novi Ligure ha organizzato una serie di iniziative che si svolgeranno per buona parte nel mese di marzo. Un intero mese con al centro la donna in una rassegna dal titolo eloquente “Sebben che siamo donne, paura non abbiamo”, frase tratta da un canto di protesta utilizzato dalle mondine nel primo dopoguerra, una delle rare canzoni popolari dell’epoca in cui le donne hanno un ruolo politico attivo.

La città ospiterà spettacoli, eventi culturali ma anche momenti di confronto e di riflessione.


 

Si parte domenica 6 marzo, alle ore 21, presso il Teatro Giacometti con Le donne dell’Iliade, uno spettacolo di Monica Avolio che tratta del dolore al femminile rivisitato nel mito: Elena, Ecuba, Andromaca, Briseide, Cassandra sono altrettante facce dell’orrore dell’eterna violenza sulla donna. I testi originali sono di Andrea Del Ponte su rielaborazione da Omero e Tragici greci.

 

Il giorno dopo, lunedì 7 marzo alle ore 21, sempre al Giacometti andrà in scena Ecce Homo, monologo scritto e interpretato da Lucilla Giagnoni. Il testo, scritto con la collaborazione di Maria Rosa Pantè, indaga su ciò che ci rende uomini, partendo dalla grande letteratura e passando per la scienza. Lo spettacolo, che fa parte della stagione teatrale, verrà preceduto da un incontro con l’attrice fiorentina, moderato da Davide Sannia, che si terrà alle ore 16 presso l’Auditorium della Biblioteca Civica.

 

Il programma di martedì 8 marzo, Festa della Donna, prevede due momenti che si terranno presso il Museo dei Campionissimi racchiusi nel titolo “Dietro una grande donna c’è sempre un grande uomo?”.

L’evento, organizzato dalla Consulta Comunale Pari Opportunità, prende il via con Ninfe, regine, sante, guerriere: le donne nei disegni dei maestri genovesi, due visite guidate a tema (una alle ore 19 e l’altra alle 19,30) all’interno della mostra Linee, lumi et ombre finte. Disegni dei maestri genovesi tra ‘500 e ‘700.

Alle ore 20 seguirà l’apericena e, subito dopo, uno spettacolo teatrale con Andrea Robbiano e Laura Gualtieri (Teatro del Rimbombo), con la collaborazione del Liceo Amaldi di Novi Ligure. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con Gruppo Acos e con le aziende Figurella e Valditerra. Il costo del biglietto è di 15 euro, prevendita presso Ristorante Bunet, tel. 0143 79314.

 

Anche la “La Torre di Carta”, fiera del libro e degli illustratori in programma sabato 12 marzo, seguirà lo stesso filo conduttore. Si inizia alle ore 10 presso la Biblioteca Civica con il laboratorio Come per incanto, dedicato agli adulti che si prendono cura dei piccoli e curato dall’educatrice Chiara Mavillonio, in collaborazione con l’Associazione Intorno al Melo. La partecipazione (numero chiuso) è gratuita, per prenotarsi: l.bellinceri@biblioteche.ruparpiemonte.it.

Alle 16,30, sotto i portici di corso Marenco, il Salotto di Carta propone Non è solo una donna, un progetto nato da un gruppo di giovani che hanno deciso di raccontare il fenomeno della violenza sulle donne attraverso la realizzazione di cortometraggi autoprodotti. Per l’occasione saranno proiettati i trailer Il lupo di Emanuele Lince e Non ascoltare il cuore di Andrea Di Bartolo.

Si prosegue alle 17 con l’inaugurazione della mostra fotografica di Annalisa Flori, giovane fotografa novese che riceverà un riconoscimento per la professionalità dimostrata in campo internazionale. Accanto a questo premio, l’Amministrazione comunale renderà omaggio a una donna novese del passato, l’educatrice Lina Borgo Guenna, figura importante in campo pedagogico per l’attività svolta nei primi anni del secolo scorso nelle province di Alessandria e Asti.

La giornata si chiude alle ore 18 con Voci di donna, interventi e letture a cura delle autrici di Puntoacapo Editrice: Valeria Borsa, Lucetta Frisa, Chiara Olivero, Cristina Raddavero, Daniela Raimondi, Fausta Squatriti; introduce Mauro Ferrari.

 

Martedì 15 marzo (ore 17,30) presso la Sala Conferenze della Biblioteca Civica si terrà la presentazione del libro Il nostro dovere. L’unione Femminile tra impegno sociale, guerra e fascismo (1899-1939) (Edizioni Joker, Novi Ligure 2015), scritto da Graziella Gaballo, storica e ricercatrice dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea in provincia di Alessandria.

 

Sabato 19 marzo (ore 21) presso il Teatro Giacometti, la Compagnia del Quadrifoglio di Ovada propone Giulietta & Romeo amore e odio a Verona, opera popolare di Riccardo Cocciante, con la regia di Silvia Re.

 

La donna sarà protagonista anche in occasione di Novantico, il mercatino di piccolo antiquariato che animerà il centro storico sabato 26 marzo. Per gentile concessione della Galleria d’Arte Pagetto (via Girardengo 87) sarà allestita la mostra I fiori e le donne, omaggio dei pittori storici del novese.

 

L’ultimo appuntamento è per sabato 2 aprile (ore 21) presso il Teatro Giacometti. Il teatro greco di Aristofane sarà portato in scena dall’Accademia delle Culture grazie a La guerra delle donne, testo molto piacevole e umoristico che parla di un modo diverso e divertente creato dalle donne per porre fine alla guerra.