falso tecnico truffatori - IDirettore, nel salutarLa Le chiedo di omettere il mio nome.

Veramente tempi con abbondanza di argomenti, negativi per la citta’, sui quali soffermarsi per una riflessione.
A mio avviso si e’ parlato troppo poco della truffa ai danni del professionista di corso montebello.


Posso intuirne le ragioni da parte degli interessati, ma quanto accaduto mette anche in evidenza la disinformazione e l’impreparazione delle persone comuni e non, nel caso specifico non si tratta di certo di anziani soli e quindi piu’ indifesi, ad affrontare situazioni potenzialmente rischiose.

Un anziano che e’ derubato e violentato psicologicamente e’ una cosa mentre tre professionisti che sono assieme e nello stesso momento truffati sono ben altra cosa; o mi sbaglio?

E non e’ una giustificazione che i malcapitati si trovavano di fronte a professionisti capaci anche di gestire persone apparentemente preparate per situazioni del genere.I soggetti erano: professionisti della truffa da una parte e dall’altra?La domanda pero’ e’ questa: che iniziative la citta’, nei responsabili dell’amministrazione comunale e organi di pubblica sicurezza, sentono di dover attuare per informare adeguatamente e capillarmente la popolazione in ordine al problema che ci riguarda?

Problema che dura da tempo e, ottimisticamente, non fa prevedere certo una soluzione in tempi ne brevi ne a medio termine.

Gli anziani, anche se in questo caso direi che siamo all’esatto opposto, hanno necessita’   di canali informativi diversi e non puo’ essere una  giustificazione il fatto che sulla stampa si parla diffusamente di questo problema ne tappezzare con qualche manifesto le vie cittadine (non a Tortona).

E si coinvolgessero le parrocchie, le scuole, i circoli di ritrovo cittadino per anziani e non non si sarebbe piu’ capillari nell’informazione? Incontri diurni raccomanderei, non serali, perche’ chi esce volentieri oggi di sera?

I soggetti sono i responsabili che debbono informare  e la popolazione che deve partecipare agli incontri; e gli assenti hanno sempre torto.

Cordiali saluti.

Lettera Firmata

5 dicembre  2015