carabinieri - QI Carabinieri della Stazione di San Salvatore Monferrato, al termine di un’indagine, hanno denunciato per truffa e sostituzione di persona un cittadino italiano di  22 anni, residente in provincia di Napoli, pregiudicato, che già in passato si era reso responsabile di fatti simili.

L’indagine prendeva spunto dalla denuncia presentata da un uomo della zona a fine settembre il quale riferiva che aveva visto su un sito di vendite on-line una stufa a pellet e aveva deciso di acquistarla visto che il prezzo era conveniente. Contattava il venditore con il quale si accordava sul prezzo pari a 550 euro e dal quale riceveva un codice IBAN sul quale effettuare il bonifico e mandava la fotocopia di una carta di identità dicendo che si trattava di sua figlia quale intestataria di quel conto corrente.


Effettuato il bonifico della cifra concordata, l’uomo non vedeva arrivare il prodotto acquistato e cercava più volte di contattare il venditore per chiedere della spedizione dell’oggetto che però dopo le prime vaghe scuse non rispondeva più al telefono, rendendosi irreperibile. Capito di essere stato truffato, presentava la querela e avevano così inizio gli accertamenti.

Dal codice IBAN sul quale era stato effettuato il versamento si scopriva chi era stato l’autore della truffa ovvero il 22enne mentre la carta di identità utilizzata risultava essere stata smarrita nel maggio del 2015 e non era sicuramente della figlia del falso venditore. Per questo motivo l’uomo, già più volte denunciato per fatti analoghi, veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per truffa e sostituzione di persona.

1 novembre 2015