Ma cosa c’é di così tanto importante se, pur di votare la fusione tra Atm Tortona e Asmt Voghera, i consiglieri comunali, non solo ignorano il parere contrario dei legali di Milano ma sono disposti ad andare contro anche loro stressi e alle norme approvate nel giugno scorso quando la maggioranza del consiglio comunale nell’atto di indirizzo che riguardava la fusione delle due “Partecipate” scrisse che la perizia che quantificava il valore della società avrebbe dovuto essere redatta dal due esperti, di cui uno nominato dal Comune e l’altro da Asmt. .

Ora con la defezione di Guido Marchese, il presidente del collegio dei revisori dei Conti di Asm Voghera che detiene il pacchetto di maggioranza di Asmt e che in un primo tempo aveva sottoscritto la perizia quest’ultima è rimasta monca e firmata da un sollo esperto invece che dai due previsti nell’atto di indirizzo.


Ebbene a quanto pare, anziché seguire la procedura e rifare la delibera, il Consiglio comunale giovedì cambierà le carte in tavola accettando una perizia votata solo da un perito anziché due.

La procedura corretta sarebbe stata quella di cambiare prima le norme di indirizzo e poi provvedere ad accettare la perizia con una firma unica, ma  purtroppo per alcuni  questa fusione sembra determinate e allora, chi se ne frega dell’atto di indirizzo?

18 novembre 2015

consiglio G