No Tav terzo Valico - ISi è tenuta la missione dell’ottava Commissione del Senato ai Cantieri del Terzo Valico dei Giovi con la riunione conclusiva in Prefettura di Alessandria dove, oltre ai parlamentari intervenuti, abbiamo potuto interloquire con gli Assessori ai Trasporti ed i Presidenti delle Regioni Piemonte e Liguria, il Prefetto ed le altre rappresentanze dello Stato.

Abbiamo ribadito la contrarietà al Terzo Valico dei Giovi da parte del Movimento 5 Stelle ed apprezzato, finalmente, le esplicite voci critiche dei Sindaci che solo oggi iniziano a porsi il problema dell’amianto, della salute dei cittadini e dell’utilità dell’opera. Ci auguriamo che queste preoccupazioni siano sincere e portino ad una netta contrarietà all’opera e la tutela della salute delle popolazioni locali piuttosto che ad una richiesta di compensazioni.
Quelle che i proponenti delle grandi opere e lo Stato chiamando compensazioni non sono altro che i servizi essenziali che ogni cittadino merita solo per il fatto di pagare le tasse, oppure opere accessorie di viabilità per i cantieri vengono spacciate per compensazioni!


Ci auguriamo che non continuino le pressioni politiche su ARPA, ente terzo che ha il compito di monitorare l’inquinamento ambientale e il rispetto delle soglie per quanto riguarda l’amianto. Ad ARPA spetta il compito di fornire dati e monitoraggi, ai Sindaci ed agli Amministratori il compito della decisione politica di sacrificare o meno un territorio, una popolazione a discapito di un falso progresso pensato solo per arricchire gli amici degli amici.

Il Movimento 5 Stelle continuerà a vigilare e a stare accanto alle popolazioni che difendano la propria terra, il proprio futuro ed a sostenere quei Sindaci che mettendo davanti la tutela dei propri concittadini diranno NO al Terzo Valico dei Giovi.


Marco Scibona – Senatore M5S, Segretario 8a Commissione Lavori pubblici, comunicazioni.

10 novembre 2015