Paolo Coscia

Paolo Coscia

Il 6 e 7 ottobre si è svolta a Milano la terza edizione del “Salone della CSR (corporate social responsability – termine inglese per definire la Responsabilità Sociale d’Impresa) e dell’innovazione sociale” che si è confermato come il più importante evento in Italia dedicato a tali argomenti, luogo di incontro per le organizzazioni impegnate su queste tematiche ma anche momento di aggiornamento per un pubblico attento, preparato, interessato a capire quale sarà il futuro della sostenibilità.

“Il sistema Camerale italiano – sottolinea Gian Paolo Coscia Presidente della Camera di Commercio di Alessandria – è uno dei protagonisti dell’iniziativa poiché attraverso l’Unione Italiana delle Camere di Commercio è nel gruppo degli enti promotori. In questo contesto, sono particolarmente orgoglioso, poiché alla ditta AL.va di Casale Monferrato, start up innovativa fondata da Miriam Manassero, è stato conferito dal Presidente di Unioncamere Ivan Lo Bello, il prestigioso premio CSR, ossia il premio per la responsabilità sociale dell’impresa”. AL.va era già stata premiata lo scorso anno dal sistema camerale piemontese tra le start up innovative della regione Piemonte ed oggi aggiunge il riconoscimento di prima start up innovativa italiana per responsabilità sociale d’impresa. Che cosa si intende per responsabilità sociale dell’impresa? “E’ la responsability of enterprises for their impacts on society – sottolinea Miriam Manassero -. Ogni impresa deve essere cosciente dell’impatto della sua attività sulla società. L’azienda deve essere fondata su valori etici ed ogni imprenditore dovrebbe valutare attentamente le conseguenze della propria attività e dei propri prodotti sulle persone e sull’ambiente. Il metro di successo di una azienda non è il semplice profitto conseguito ad ogni costo incuranti delle conseguenze su chi lavora all’interno della fabbrica e di chi ci vive attorno”. “Penso – aggiunge la Manassero – che i luoghi di lavoro debbano non solo essere salubri da un punto di vista fisico ma anche psicologico. L’ambiente di lavoro non solo deve essere pulito, ordinato, non deve esserci nessun pericolo per la salute della persona ma deve esserci rispetto per la dignità della persona. I luogo di lavoro deve essere stimolante e creativo, deve consentire ad ogni individuo di esprimere tutte le sue potenzialità”. “Ancora una volta – sottolinea il Presidente Coscia – siamo in presenza di una prestigiosa realtà produttiva della nostra provincia e ritengo che la Camera di Commercio di Alessandria debba essere vicina e sostenere con tutti i mezzi imprese come AL.va che si propongono come elementi di innovazione e di sprone per l’intero tessuto economico locale e, in questo caso, addirittura nazionale”. L’ azienda produce allestimenti frigoriferi per lo street food e la distribuzione dei prodotti alimentari in ambito urbano utilizzando esclusivamente mezzi elettrici.


11 ottobre 2015