Vittoria Colacino è uno degli assessori più apprezzati dai tortonesi

Vittoria Colacino è uno degli assessori più apprezzati dai tortonesi

Il Clima che si respira nel Comune di Tortona, a quanto pare, non deve essere dei migliori, soprattutto nei confronti dell’assessore Vitttoria Colacino che, potrebbe sentirsi come fosse con le spalle al muro davanti a persone che la prendono a coltellate.

E’ passata una settimana da quando abbiamo scritto della situazione in cui si trova l’assessore che potrebbe essere sostituito da Bottazzi.


Lo abbiamo scritto a chiare lettere ma nessuno, dal Comune, ha mosso un dito in difesa dell’assessore che è stata lasciata da sola contro tutti, a testimonianza che in Giunta, e soprattutto tra molti  dipendenti comunali, non sarebbe affatto ben vista, forse perché insiste nel chiedere “il conto” ai dipendenti che devono restituire 631 mila euro di premi percepiti in più, o perché essendo neofita della politica, forse non ha ancora compreso bene come funzionano certi meccanismi.

Il nostro articolo ha messo a nudo una grave situazione che la riguarda e ci saremo aspettati che il sindaco Gianluca Bardone fosse intervenuto in sua difesa rinnovandole la fiducia. D’altro canto sarebbe stato un comportamento logico: se io delego qualcuno di cui fido a fare un lavoro (in questo caso la Colacino) e qualcuno attacca la persona di cui ho fiducia il minimo che posso fare è difenderla, come Bardone ha fatto a suo tempo per l’assessore marcella Graziano, al centro delle critiche.

In questa occasione, invece, il sindaco è stato ben zitto e dal comune non è arrivato nessun comunicato di smentita al nostro articolo.

Perché Bardone ha difeso la Graziano e non la Colacino? Non sono entrambi assessori di cui dovrebbe fidarsi?

Ma quello che forse è ancor più grave in questa vicenda politica è il silenzio assordante di Antonio Zanardi, leader della lista “Siamo Tortona” e a quanto pare “tutor” di Vittoria Colacino: neanche lui, sembra, abbia  mosso un dito in difesa della sua “assistita” a livello pubblico.

Perché questo silenzio?

La risposta ovviamente non può essere che una sola: ci avevamo visto giusto e non abbiamo sbagliato nell’affermare che Giuseppe Bottazzi avrebbe preso il posto di Vittoria Colacino.

Naturalmente non in modo diretto e automatico perché in realtà la Giunta deve avere sempre due donne, ma abbiamo fatto apposta questo titolo per vedere le reazioni.

Sarebbe stato sufficiente che qualcuno dal Comune ci avesse risposto scrivendo semplicemente che Bottazzi non può sostituire la Colacino perché ci vogliono due donne in Giunta. Insomma abbiamo dato l’assist al Comune per intervenire, ma neppure quello è stato fatto, a testimonianza che effettivamente, a quanto pare, ci sono manovre per fare entrare Bottazzi in Giunta.

Neppure Bottazzi, infatti, ha smentito la notizia.

 

CARABETTA SEGRETARIO DI FORZA ITALIA?

Franco Carabetta

Franco Carabetta

La notizia circolava ovviamente prima dell’articolo della scorsa settimana e riguarda la voce che l’ex presidente del Consiglio e assessore di centro destra, Franco Carabetta, oggi rappresentante della Lista Civica “Insieme per Tortona” che appoggia Bardone, non sia contento del suo ruolo e mediti di tornare in Forza Italia.

Nei primi giorni di novembre ci sarà il congresso locale e Carabetta sembra  intenzionato a proporsi come segretario  in contrapposizione all’altro candidato appoggiato da Berutti, cioè l’ex consigliere comunale Pier Paolo Pareti. Se così fosse Carabetta andrebbe all’opposizione e Bottazzi in maggioranza.

Ovviamente questo consentirebbe a Bardone un rimpasto di Giunta e deleghe, rivedendo il ruolo di Vittoria Colacino, magari non per sostituirla ma anche solo per toglierle quella delega al personale che sta tanto invisa ai dipendenti comunali.

Questo spiegherebbe il fatto per cui, dal Comune, non è arrivata nessuna difesa nei confronti dell’assessore Vittoria Colacino: avrebbero dovuto confermarla nel suo ruolo con le sue attuali deleghe e poi non avrebbero potuto cambiarle. Invece senza smentita, potrebbero farlo.

Così dal Comune, hanno preferito far finta di nulla far passare i giorni nella speranza che tutti si dimenticassero della questione.

Noi però non ci dimentichiamo e siamo qui. E lo ribadiamo: Bardone vuoi confermare Vittoria Colacino al personale?

E’ fantapolitica? Bene se fosse che il sindaco e prenda carta e penna e confermi non solo la presenza futura dell’assessore Vittoria Colacino ma il mantenimento della delega al personale, altrimenti, per ennesima volta avremmo ragione noi.

In quel caso, però, sarebbe chiaro che a comandare in municipio, forse non sono i politici ma i dipendenti comunali.

18 ottobre 2015

municipio G