Patrizia Poliotto

Patrizia Poliotto

Il caso della diesel-truffa a marchio Volkswagen ha prodotto esiti inaccettabili per i consumatori italiani. L’automobile è un bene primario, il cui acquisto, specie in tempi di crisi, grava come un macigno sull’insieme delle spesa totale di famiglie e singoli.dal 1955 la prima e più antica associazione consumeristica italiana. Come Unione Nazionale Consumatori auspichiamo vivamente che le indagini di verifica di veridicità di tutti i test e controlli di rito, prima dell’immissione di nuovi veicoli sul mercato, siano estese in senso lato a tutte le case automobilistiche, come forma di tutela e prevenzione del danno all’utenza.

Senza dimenticare che il consumatore ha diritto a un risarcimento del danno, in quanto la rimozione del software incriminato produce una riduzione del valore dell’auto. E, se tale rimozione dovesse coincidere anche  con un declassamento della categoria Euro o indurre il veicolo a produrre maggiori consumi, allora il danno diventerà decisamente più consistente.


Unc è disponibile a raccogliere le segnalazioni di quanti sono stati vittima del raggiro, telefonando in orario d’ufficio allo 011 5611800 o allo 0121 376264, oppure scrivendo via mail agli indirizzi di posta elettronica comitatotorino.unc@libero.it oppureunc.pinerolo@libero.it

Patrizia Polliotto, legale dell’Unione Nazionale Consumatori

9 ottobre 2015