violenza - II Carabinieri Alessandria Principale hanno denunciato per atti persecutori e furto con strappo un cittadino marocchino di 25 anni, con a carico dei precedenti di polizia.

I militari i giorni scorsi ricevevano la denuncia di una donna, anch’essa marocchina, che riferiva loro quanto ha dovuto sopportare negli ultimi tempi dal suo ex fidanzato con il quale ha avuto una relazione interrotta circa un anno fa perché lui la maltrattava. Infatti, dopo l’interruzione della loro relazione, l’uomo continuava a passare nei pressi della casa o del luogo di lavoro della donna per vedere cosa stava facendo o per incontrarla, inviandole anche numerosi SMS o telefonandole più volte al giorno, tanto che la donna aveva dovuto cambiare numero di telefono.


Nel corso dei mesi però il comportamento dell’uomo cambiava completamente perché iniziavano le aggressioni fisiche, mai denunciate prima ma sempre più violente con veri e propri pestaggi ogni volta che la donna voleva allontanarsi da lui, venendo aggredita per strada o vicino al posto di lavoro o nei pressi di casa. Alla fine di settembre del 2015 il 25enne la aggrediva nei pressi dell’abitazione, provocandole delle lesioni a un occhio con un pugno.

Nei giorni scorsi aggrediva nuovamente la donna, la minacciava di morte, la insultava ripetutamente e alla fine dell’aggressione le strappava dalle mani il telefonino che la donna voleva usare per chiamare le forze dell’ordine e la borsa contenente portafoglio e altri oggetti. Visto che il 25enne diventava per lei sempre più pericoloso, decideva di denunciarlo in considerazione che ultimamente avevano dovuto modificare sensibilmente il suo stile di vita per non essere seguita o sorpresa dall’aggressore e perché vive ormai in uno stato di continua paura e ansia per le numerose minacce, trasformatesi ultimamente in aggressioni violente.

Finalmente per tali motivi il 25enne veniva denunciato alla Procura della Repubblica di Alesandria.

17 ottobre 2015