donna egitto _ QGiovedì 29 ottobre alle ore 21.00, al Castello di Casale la Consulta delle donne è lieta di presentare una conferenza aperta al pubblico, con l’egittologa Sabina Malgora sul tema della figura femminile nella terra del Nilo, all’interno della mostra DiVino da lei ideata e curata. La mostra è aperta Venerdì-Sabato-Domenica 10-19 ( mail: mummyproject@libero.it, www.divinoexpo.wix.com/casale.)

La serata prevede un’accattivante conferenza, con il supporto di immagini, filmati e ricostruzioni in 3D, dove la ricercatrice parlerà del ruolo della donna in questa antica, ma assai moderna civiltà: saranno toccati temi diversi, quali la famiglia, la posizione nella società, il lavoro, l’amore, la maternità, la bellezza, la moda, la cura dell’aspetto fisico etc…


L’archeologa Sabina Malgora vive tra le colline del Monferrato e come tutte le donne è molto impegnata, dividendosi tra la famiglia ed il lavoro: ricopre il ruolo di Direttore del Mummy Project di Milano, centro di ricerche, finalizzato allo studio delle mummie, di Curatore della sezione egizia del Castello del Buonconsiglio di Trento; è Dottore di Ricerca presso l’Istituto Orientale di Napoli. È inoltre impegnata nell’organizzazione di eventi culturali e mostre, tra di esse “UR SUNU Grandi dottori dell’Antico Egitto”, tenutasi a Casale dal 27-settembre 2008 al 10 gennaio 2009; è consulente di alcuni musei, scrive articoli per numerose riviste, collabora alla realizzazione di documentari per SuperQuark e Ulisse delle reti Rai. Con questo incontro si vuole riflettere su come il ruolo della donna sia cambiato nel corso del tempo, di come possa incidere nel corso della storia, ma anche sottolineare come l’impegno delle donne e per le donne passi attraverso la cultura, la cura della mente che dà forza ed energia al corpo – speiga la presidente Rita Rosso.

Durante la serata, interverrà anche Matteo, make up artist di BioNike, azienda di cosmetici e prodotti farmaceutici leader nel trattamento delle pelli sensibili: la sua arte sarà a disposizione delle partecipanti per creare un ponte tra passato e presente attraverso il trucco: cura medica, elemento simbolico-religioso e piacere estetico.

Ad allietare la serata saranno presenti anche le Donne della Grappa, che con la loro Associazione al femminile, si occupano di trasmettere la passione e la cultura per il nostro distillato di bandiera, la “Grappa” che ha recentemente ricevuto l’importante riconoscimento europeo di indicazione geografica tipica.

L’Associaizone Donne della Grappa nasce nel 2001 da un gruppo di imprenditrici e distillatrici che hanno voluto raccontare la Grappa all’altra metà del cielo.

La Presidente Valeria Luparia, della Distilleria Magnoberta di Casale Monferrato, commenta con entusiasmo: “ Quale migliore occasione per accomunare due epoche e due culture lontane ma vicine nel rispettare ed esaltare il ruolo fondamentale delle Donne!!”

28 ottobre 2015