Riceviamo e pubblichiamo dal Comune di Tortona:

 

La casa Albergo Cora Kennedy dove sono ospitati i due profughi a spese dei tortonesi

La casa Albergo Cora Kennedy dove sono ospitati i due profughi a spese dei tortonesi

E’ pervenuta ieri la comunicazione con cui la Prefettura di Alessandria ha disposto nuovamente il trasferimento presso la struttura Riss Cora Kennedy Sada di due cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, a far data da oggi 22 settembre.


Si tratta di due giovani uomini provenienti dalla Guinea-Bissau, che prenderanno il posto precedentemente occupato dai due profughi Ivoriani, che hanno lasciato la struttura a fine agosto.

In virtù della nuova convenzione approvata con la Prefettura di Alessandria i cittadini stranieri temporaneamente presenti sul territorio e richiedenti protezione internazionale, possono continuare a beneficiare dei due posti riservati all’accoglienza umanitaria presso la struttura gestita dal Comune di Tortona, con oneri a carico della Prefettura di Alessandria.

La scadenza prevista dalla Convenzione per la permanenza degli ospiti è stabilita al 31/12/2015, riservandosi tuttavia la Prefettura sia la facoltà di cessazione anticipata, sia di proroga della Convenzione, in considerazione del venir meno o del perdurare delle esigenze di utilizzo dei posti di prima accoglienza.

Aldilà di questi aspetti prettamente burocratici ed amministrativi, preme evidenziare che la precedente esperienza di ospitalità dei due profughi presso la  RISS Cora Kennedy è stata molto positiva, non ha dato luogo a problemi né di accettazione reciproca, né di convivenza e non ha determinato situazioni di pericolo né sanitario, né di sicurezza per il personale, gli ospiti e i loro familiari.

 

Il processo di inclusione sociale nella comunità cittadina è stato favorito dalla rete solidale di enti ed associazioni con cui il Comune opera normalmente ed ha permesso ai due giovani di “restituire”, sotto forma di attività di volontariato, l’accoglienza positiva ricevuta.

 

Proprio in considerazione di tali elementi, il Comune di Tortona ha ritenuto mettere a disposizione i due posti nella “foresteria” del Cora Kennedy fino a quando sarà utile tale collaborazione con la Prefettura, promuovendo, al contempo, la rete di Tortona Solidale sul territorio, a sostegno delle altre esperienze di accoglienza in corso o in fase di avvio.

 

Infatti, in attesa che termini l’iter e pervengano comunicazioni ufficiali sulle assegnazioni relative al Terzo bando di gara per l’affidamento dei servizi di accoglienza e di assistenza di cittadini stranieri, in corso presso la Prefettura di Alessandria, il progetto di integrazione sviluppato dal Comune di Tortona prosegue in collaborazione con gli altri Sindaci del territorio coinvolti.

22 settembre 2015