rita rossa - I«Cercavamo rifugio e trovammo la morte. Spose, mamme, bambini, mariti, padri, figli, fratelli, sorelle, un misto di carne e sangue… Oggi un solo spirito che grida a Dio per l’uomo: “Pace”».

Queste sono le parole fissate sulla lapide posta in via Giordano Bruno nel Borgo Cittadella di Alessandria per ricordare gli alessandrini che nel bombardamento del 5 settembre 1944 perirono drammaticamente.


A 71 anni da quel tragico episodio — non l’unico che colpì la Città durante il secondo conflitto bellico mondiale, come ci ricorda anche la “stele” posta da qualche mese nel Palazzo Comunale di Alessandria a ricordo dei nomi di tutte le vittime alessandrine cadute sotto i bombardamenti — l’Amministrazione Comunale invita la cittadinanza alla commemoriazione ufficiale del prossimo sabato 5 settembre.

Alle ore 10.00, in via Giordano Bruno, di fronte alla lapide, le Autorità cittadine porgeranno il saluto e interverranno per affermare “ancora una volta” la sintonia con quanto sancisce anche l’art. 11 della nostra Carta Costituzionale («L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali…»).

Seguira, alle ore 10.30, la deposizione di una Corona d’Alloro in ricordo delle vittime e la Benedizione della targa da parte di mons. Ivo Piccinini.

3 settembre 2015