Mauriuzio Lorys Scandurra

Mauriuzio Lorys Scandurra

Il nostro collega e lettore, noto giornalista e campanologo Maurizio Lorys Scandurra,domenica 23 agosto alle ore 10 sarà in piazza in Piazza Giovanni Paolo II ad Agnone, in provincia di Isernia, per donare un’opera al museo.

La donazione avverrà proprio nell’ultimo giorno dov’è attualmente esposta pubblicamente la Campana di Expo del Molise, ben 850 Kg di bronzo purissimo opera della Pontificia Fonderia “Marinelli” alla presenza del Sindaco della città Michele Carosella, del Vice Sindaco Maurizio Cacciavillani e di Don Onofrio Di Lazzaro, Parroco della Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli in Agnone.


In questa Lorys Scandurra insieme a Gerlando Colombo, artista torinese di fama internazionale nel campo della Nouveau Pop Art, giunti apposta per l’occasione dal Piemonte, faranno dono ai Fratelli Pasquale e Armando Marinelli di un’opera d’arte per il “Museo Internazionale della Campana” intitolato a San Giovanni Paolo II, a simboleggiare nell’anno dell’Expo 2015 il forte legame che esiste tra il Piemonte, terra anch’esso di storiche campane e fonderie ormai estinte, e il Molise, da dove da oltre mille anni a questa parte si continuano invece a forgiare le migliori campane al mondo.

Gerardo Colombo

Gerardo Colombo

“Le Sacre Scritture – dichiara Maurizio Lorys Scandurra – ricordano quotidianamente, insieme al suono dei campanili,  che c’è più gioia nel dare che nel ricevere.La Famiglia e la Pontificia Fonderia Marinelli, l’azienda più antica d’Italia, la terza nel mondo, sito proclamato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, sempre prodiga nel realizzare con secolari amore e passione bronzi commemorativi per le più importanti ricorrenze mondiali, merita nell’anno dell’Expo di essere
celebrata a dovere a sua volta con una speciale menzione”
“Ho avuto modo di apprezzare la passione per il proprio millenario mestiere del Cavalier Pasquale e dell Commedator Armando Marinelli –aggiunge Scandurra – sono rimasto colpito dall’umiltà genuina, la professionalità e la cortesia sincera che contraddistingue questi due fratelli. Due autentici signori Ho subito avvertito il forte desiderio di fare qualcosa per loro. Non ci ho pensato su due volte. Così, dal Piemonte, grazie alla sensibilità e la preziosa disponibilità del Vice Sindaco di Agnone, Maurizio Cacciavillani, cui sono francamente grato per il fattivo interessamento dimostrato, abbiamo ideato di comune accordo questo evento teso nell’anno dell’Expo e del Bicentenario della Nascita di san Giovanni Bosco a omaggiare la Pontificia
Fonderia Marinelli e il Comune di Agnone, patria nel mondo per antonomasia dell’arte campanaria”,

“Per farlo – conclude Scandurra -ci siamo rivolti a  uno tra i grandi artisti italiani moderni più apprezzati e rinomati all’estero: Gerlando Colombo, autore di un emozionante quadro in unico esemplare di grandi dimensioni,  ben 141 centimetri per 106 centimetri, che interpreta e ritrae in forma simil tridimensionale lo storico incontro tra il Patriarca delle campane, Pasquale Marinelli, e Papa Wojtyla, in visita alla Fonderia il 19 marzo del 1995. Da lì nacque infatti l’idea del Museo delle campane, che raccoglie la più grande collezione di sacri bronzi al mondo, e oltre 30mila presenze all’anno”.
L’opera d’arte “Rintocchi di Eternità”, invece, verrà svelata in piazza San Giovanni Paolo II dalle Autorità cittadine di Agnone, prima di essere benedetta da don Onofrio Di Lazzaro e consegnata ai Fratelli Marinelli.

22 agosto 2015