rita rossa - QL’elemento di novità rispetto agli ultimi anni, per quanto rigaurda il Comune di Alessandria  è sicuramente il fatto che, stante il rispetto del patto di stabilità, è stato possibile prevedere interventi finanziati con mutuo.

Giova ricordare che gli ultimi mutui contratti dal Comune, finalizzati alla realizzazione di opere pubbliche, risalgono al bilancio 2010 all’epoca, cioè, del finanziamento del ponte Meier.


Per far fronte alla necessità di procedere ad un progressivo generale recupero del patrimonio e del demanio comunale sono stati previsti investimenti complessivi di oltre 12 milioni di euro nel triennio 2015/2017 nel campo delle strade, dei fabbricati e del verde pubblico.

In particolare, per il solo 2015, sono previsti i seguenti stanziamenti:

  • – Strade comunali €. 685.922,36
  • – Fabbricati comunali €. 600.000,00
  • – Verde pubblico €. 232,00

Per quanto attiene gli altri investimenti sono da evidenziare le previsioni di spesa relative ai seguenti interventi:

  • – Spese in conto capitale sull’immobile destinato ad ospitare il Museo del Cappello, interventi parzialmente finanziati con il contributo di fondazioni bancarie, Università e Borsalino S.p.A. attraverso una convenzione in fase di definizione. Per tali lavori è stata prevista una spesa di €. 000,00;
  • – Acquisto beni mobili finalizzati al miglioramento dei servizi offerti nelle scuole, centri sportivi, musei, biblioteca e istituti culturali in genere per un investimento complessivo di oltre 468 mila euro;
  • – Acquisto Hardware e Software per un generale efficientamento della macchina comunale attraverso un necessario ammodernamento della struttura informatica dell’Ente. Per tali azioni è previsto un investimento di oltre 325 mila euro;
  • – Acquisto mezzi operativi per 400 mila euro. La ristrutturazione della struttura dell’Ente, comporta un potenziamento dei reparti operativi col fine di migliorare la minuta manutenzione del demanio e patrimonio comunale con il conseguente soddisfacimento delle richieste, sempre più pressanti e oggettivamente condivisibili della cittadinanza, finalizzate ad ottenere una città più sicura, pulita e ordinata.
  • – Interventi sulla rete idrografica minore da realizzarsi attraverso contributi regionali per 100 mila euro. Gli ultimi anni, infatti, hanno visto, in concomitanza di forti piogge, il ripetersi di allagamenti in diverse zone del territorio comunale.

In particolare sono stati più volte colpiti i sobborghi di Spinetta Marengo e San Michele.

Mentre per Spinetta Marengo ed il rio Lovassina l’Amministrazione ha approvato il progetto, a suo tempo predisposto, di deviazione del rio ed avviato le procedure finalizzate all’ottenimento del relativo finanziamento da parte della Regione, per il sobborgo di San Michele, sempre in accordo con gli uffici regionali, è in fase di predisposizione uno studio idraulico che definisca un percorso tecnico per la risoluzione dei problemi.

11 agosto 2015