municipio - 3I .bmpIl 2015 si presenta come il primo anno di ritorno agli investimenti dopo il dissesto finanziario dell’Ente.

Ai 5.386.158,02 euro previsti nel piano degli investimenti, si aggiungono quelli previsti da  AMAG sul medio periodo, così specificati:


  • opere fognarie in via Vecchia dei Bagliani   3.630.000
  • opere fognarie a Lobbi   3.150.000
  • collegamento fognario Oltre Bormida      895.000
  • potenziamento depuratore Orti                                           5.500.000
  • estensione fognatura Valle Quarta/Strada cerca      325.000

Le spese correnti ammontano ad 89 milioni di euro (oltre 10 milioni di applicazione degli avanzi 2014), comprensivi dei fondi rischi per crediti  di dubbia esigibilità, secondo la nuova contabilità  (circa 2 milioni), per cui le spese correnti nette si stabilizzano sugli 87 milioni effettivi, di cui circa 7 milioni per il pagamento di ratei di interessi.

Il debito complessivo si attesta sui 207.205.977,09 a fronte di un debito nel 2011 di 157.035.720, 83.

Va sottolineato però che negli oltre 207 milioni complessivi sono compresi quelli relativi al prestito statale per il pagamento dei creditori da parte dell’Organismo Straordinario di liquidazione (circa 52 milioni)  e 17 milioni provenienti dalla Cassa Depositi e Prestiti a seguito della  legge “taglia debiti” per cui si può affermare che il debito storico sia in calo.

Infine va ricordato che nel 2015 il 51,00 per cento del capitale sociale di Aral detenuto dal Comune di Alessandria  verrà conferito ad Amag,  mentre il restante 43,30 posseduto sarà posto a disposizione per la ricerca di un nuovo partner.

12 agosto 2015