Pubblichiamo di seguito il Comunicato stampa del Comune di Tortona con il Sindaco che spiega la sua posizione in merito all’apertura da parte della Prefettura, del nuovo bando sui profughi stranieri.

Siccome Bardone non lo ha dice, ci auguriamo che il Comune venga informato anche sull’esatta ubicazione dei profughi, in modo che se i tortonesi dovessero notare strani movimenti di stranieri in una determinata zona della città, possano stare tranquilli.


A proposito, sempre in tema di trasparenza, perché il Comune non rende note le vie dove sono ubicati i 14 stranieri giunti in città nelle scorse settimane? Servirebbe a calmare gli animi.

Il comunicato del Comune

bardone 2IA fronte della pubblicazione da parte della Prefettura di Alessandria del terzo bando finalizzato all’affidamento dei servizi di accoglienza e di assistenza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale nel territorio della Provincia di Alessandria (si ricorda che il secondo bando è andato deserto poiché non vi sono stati soggetti interessati a svolgere i servizi richiesti), l’Amministrazione Comunale di Tortona ritiene opportuno ribadire con forza e chiarezza la propria posizione.

L’Amministrazione di Tortona può accogliere al momento direttamente al più 2 migranti presso la casa di riposo Cora Kennedy Sada, ovviamente senza limitare i posti a disposizione degli anziani.

Il Sindaco Gianluca Bardone afferma «Nel mio anno di mandato ho sempre manifestato nelle sedi opportune la mia contrarietà ad accoglienze che prevedano la concentrazione di numerose persone in grandi strutture ricettive inutilizzate o dismesse, alberghi o istituti religiosi, che rischiano di non garantire la qualità di accoglienza e l’integrazione dei migranti e anzi ne ledono la dignità umana, con inevitabili conseguenze sulla sicurezza pubblica e sul clima sociale. Ribadisco oggi con estrema chiarezza, a scanso di ulteriori fraintendimenti o strumentalizzazioni di sorta, che non essendoci a Tortona strutture comunali adeguate, ma soprattutto non essendo la Città nelle condizioni socio-economiche idonee per affrontare simili emergenze, la disponibilità dell’Amministrazione è limitata a 2 persone, da ospitare presso il Cora Kennedy Sada, nell’ambito di una più ampia progettualità che veda coinvolti tutti i Comuni del Tortonese e della Provincia. A tale proposito come centro zona Tortona si è già mossa per attivare la rete dei Comuni del Tortonese».

Nel bando è indicato in 130 unità il numero presunto di cittadini stranieri ai quali nel corso dell’anno dovrà essere data accoglienza nel territorio tortonese.

Il bando è rivolto ad Associazioni, Fondazioni, Enti ecclesiastici ed altri Organismi, che operino in un settore di intervento pertinente con i servizi di assistenza e di accoglienza oggetto dell’appalto.

Si sottolinea, pertanto, che vi sarà un rapporto diretto fra la Prefettura e i soggetti, che vorranno farsi carico dell’ospitalità dei cittadini stranieri.

Il Sindaco Bardone conclude «Ricordando che la Prefettura, organo deputato a decidere le assegnazioni, ha dato garanzie espresse a me e agli altri Sindaci del Tortonese, che non verranno assunte determinazioni contro la volontà del territorio, farò tutto quanto nelle mie facoltà, affinché il Prefetto tenga fede operativamente a questo impegno».

5 agosto 2015