Un presunto pedofilo nordafricano che, a quanto pare, non sarebbe nuovo ad episodi del genere, nel tardo pomeriggio di giovedì, avrebbe importunato un giovane ragazzo tortonese a tal punto che quest’ultimo è stato costretto ad avvisare il padre.

Il condizionale è d’obbligo in quanto i carabinieri della compagnia di Tortona non hanno ancora confermato l’episodio per cui non sappiamo quale sia stato l’epilogo , ma essendo di una gravità estrema, abbiamo deciso di segnalarlo, così come ci è stato raccontato da alcune persone che hanno assistito al fatto, nella speranza che le forze dell’ordine possano fare chiarezza al più presto e diramare un comunicato spiegando dettagliatamente cosa sia accaduto in realtà perché sé un ragazzo non è più nemmeno sicuro di andare alle giostre significa che la situazione, per quanto riguarda la sicurezza ha raggiunto livelli inaccettabili.


Secondo il racconto di alcuni tortonesi, sembra che il ragazzo sia stato importunato da un nordafricano che da tempo abita in città e lo avrebbe già fatto altre volte nei confronti di altri ragazzini. Stavolta però il ragazzo tortonese che ha capito subito che la situazione avrebbe potuto avere risvolti pericolosi, ha avvisato il padre al telefono cellulare. Quest’ultimo si è immediatamente recato in piazza Allende e avrebbe avuto un violento diverbio con l’africano, il quale vista la situazione è scappato verso la propria abitazione, inseguito da padre.

Com’è finita la storia?

Aspettiamo ce lo dicano i carabinieri o se vuole farlo il padre del ragazzo saremmo ben felici di raccontare la sua versione. Ovviamente mantenendo l’anonimato.

15 maggio 2015

luna park - G