Con la mostra “Non fate ad altri quello che non vorreste fosse fatto a voi” a cura di Zonta Club Alessandria a Lu si stanno ricordando tre anniversari: i cento anni della prima guerra mondiale, i settant’anni dalla Liberazione dal nazifascismo e i quindici anni di presenza sul territorio di Zonta Club Alessandria.

Ogni bambino ha commentato il titolo di una acquaforte e ciascuno ha scelto la sua preferita: Alberto Helios Gagliardo è diventato nel corso di un’ora di visita un amico, da chiamare con il suo soprannome di bambino “Giotto” e così il suo tratto deciso, i suoi messaggi espliciti hanno fatto comprendere quanto sia crudele e terribile la guerra, quanto sia opportuno ricercare la luminosità della pace.


E’ questo l’intento della mostra: diffondere messaggi di pace. Le acqueforti di Alberto Helios Gagliardo contro tutte le guerre, a tiratura limitata, sono un regalo prezioso che Zonta Club Alessandria ha ricevuto dalla Galleria Il Vicolo di Genova, della zontiana di origine alessandrine Piera Prigione Gaudenzi. Il dono è stato fatto per divulgare i sentimenti di chi ha combattuto per la   pace, come Francesco Grassano, partigiano di San Giuliano Vecchio ucciso a 37 anni nel giorno della Liberazione.

La mostra è visibile nella sala consigliare del Municipio, Via Colli 5 dal Lunedì al sabato dalle 9,30-12,30. Domenica 10 maggio il Comune sarà eccezionalmente aperto per consentire le visita in occasione del passaggio da Lu della camminata “La Zontiana. A spasso in Monferrato” per la quale ci si può prenotare dal sito www.zonta-alessandria.org.

3 maggio 2015

zonta club - L