carabinieri QI Carabinieri di Alessandria hanno denunciato per rissa tre cittadini marocchini di 30, 33 e 32 anni, due dei quali pregiudicati. Alle 21.40 circa del 28 aprile due gazzelle venivano inviate in via Vochieri perché più telefonate giunte al 112 segnalavano una violenta rissa tra extracomunitari nei pressi di un locale. Giunte sul posto, le pattuglie non trovavano nessuno, ma dopo avere imboccato via Verona notavano tre soggetti stranieri all’angolo di via Dossena i quali si insultavano e si dimenavano in mezzo alla strada.

Venivano così bloccati e identificati nei tre cittadini marocchini e si accertava che due di loro avevano aggredito il terzo colpendolo al volto e a una gamba e quest’ultimo, per tutta risposta, recuperava da terra alcuni cubetti di porfido e li scagliava contro i due, scappando verso via Dossena inseguito dagli altri, dove tutti venivano definitivamente bloccati dalle gazzelle. Inoltre, si scopriva che i due avevano incontrato il terzo, che vende fiori per le strade del centro, e uno di loro chiedeva spiegazioni sul fatto che quest’ultimo avesse parlato male di sua moglie in più occasioni, cosa che scatenava la colluttazione nella quale interveniva anche il terzo uomo. A quel punto i tre venivano denunciati all’Autorità Giudiziaria per rissa, ma nessuno di loro voleva essere accompagnato al pronto soccorso per le cure. Poche ore dopo, i Carabinieri della Stazione Alessandria Principale, nel corso di un posto di controllo in Piazza Massimo D’Azeglio, fermavano un’auto condotta da un 42enne di Casale Monferrato e notavano che l’uomo non era in perfette condizioni fisiche. Accompagnato per essere sottoposto al test dell’etilometro, risultava positivo, ma con un valore che rientrava nell’illecito amministrativo e non penale. Per lui, quindi, una pesante sanzione amministrativa e il ritiro immediato della patente, mentre l’auto veniva affidata a un suo conoscente che era in grado di guidare.


29 aprile 2015