ospedale - QLa neoeletta RSU, rappresentanza sindacale unitaria dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria, vuole portare a conoscenza della cittadinanza, la grave situazione in cui versa la sanità pubblica alessandrina.

Sono ormai parecchi anni che le carenze strutturali, unite al mancato turn-over della dotazione  organica operato con il blocco delle assunzioni imposto alle Aziende Sanitarie,  si tramuta, per il personale in turni estenuanti  e  disservizi per la cittadinanza.


Si potrebbero fare tanti esempi, basti pensare alla situazione sempre più caotica dei Pronto Soccorso, le lunghe attese per ottenere prestazioni ambulatoriali, la  difficile condizione del Nido e dell’Ostetricia, considerato l’aumento del numero di parti a fronte  di una riduzione di personale effettivamente in servizio e non per ultimo, la grave situazione in cui verte l’Ospedale Pediatrico, in odore di riduzione di servizi e accorpamenti di unità operative.

Viste le criticità attuali, come si pensa di affrontare il prossimo futuro?

Nuovamente con accorpamenti di reparti e tagli di posti letto a danno della cittadinanza? Nuovamente con l’aggravio del carico di lavoro per gli operatori in servizio?  Limitando loro il diritto al riposo e alle ferie?

La cittadinanza alessandrina ed i lavoratori di questa azienda non meritano questa pesante realtà.

La Rappresentanza sindacale domanda alle Istituzioni come si voglia porre rimedio a questa preoccupante situazione e se accoglieranno le richieste di assunzione di personale

(circa un centinaio tra infermieri e O.S.S.) formulate dall’amministrazione uscente.

La RSU aziendale attende dagli organi competenti risposte tempestive e concrete.

RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA

Dell’Azienda “ SS. Antonio e Biagio e C. Arrigo” di Alessandria

29 aprile 2015