I due protagonisti

I due protagonisti

Il tema è sicuramente intrigante: una donna nata nel 1908 che all’età di 29 anni muore per alcuni secondi durante un incidente stradale e viene “risvegliata” da un fulmine che le blocca l’invecchiamento e paradossalmente, la rende immortale.La figlia la supera in età diventando un’anziana signora, e Adaline impara a non innamorarsi e a cambiare vita e nome ogni 10 anni, fino ad arrivare ai giorni nostri.

La trama è sicuramente originale, ma alla fine rappresenta solo uno spunto per trattare alcuni grandi problemi della vita: la tanto agognata immortalità che si trasforma in un grosso problema per la protagonista alle prese con la mancanza di amore e una profonda solitudine, perché se mai si scoprisse che è immortale diventerebbe cavia per gli scienziati.


Il regista Lee Toland Krieger al suo primo film dimostra un’ottima capacità di narrazione ma anche nella scelta delle scenografie con i bellissimi paesaggi naturali del Canada, mentre perfetta è l’attrice principale, la 27enne americana Blake Lively (Le Belve, Lanterna verde) che si pettina e si veste con vestiti fuori moda, che ricordano molto i primi anni del secolo scorso.

Marginale la parte di Harrison Ford, sempre molto bravo, mentre la parte del protaginista maschile è affidata all’attore olandese di 33 anni Michiel Huisman.

Il film, però si regge soprattutto sulla trama talmente originale che caratterizza tutto il film, sicuramente da non perdere.

25 aprile 2015

adaline L