furti - IQuella dell’11 marzo è stata una seduta di Consiglio Comunale molto ricca di interrogazioni e mozioni da parte delle minoranze, ma molto povera di risposte concrete e soprattutto esaurienti da parte della Giunta Comunale.

In tutto sono state discusse tredici istanze, fra interrogazioni, interpellanze e mozioni, tutte condivise oppure presentate dal M5S Tortona come primo firmatario.

Tra i vari argomenti trattati, si è parlato della sicurezza dei cittadini tortonesi: problema di particolare attualità, visto il proliferare di reati registrato negli ultimi mesi. Di fronte a tale emergenza, il Sindaco ha affermato che saranno installate sette nuove telecamere sulle rotonde periferiche della città (ma non è la zona-stazione quella che dovrebbe essere maggiormente sorvegliata?). Ha inoltre affermato che i furti nelle abitazioni sono in drastico calo grazie all’efficace attività delle forze dell’ordine (con tutto il rispetto per le forze dell’ordine, noi saremmo più propensi a pensare che ormai sia già stato rubato tutto il rubabile…).

Si è quindi affrontata la spinosa questione della (mala)gestione del verde pubblico, segnalando varie criticità nella potatura degli alberi, nella cura delle aiuole e nella manutenzione e pulizia dei giardini (fontane e vespasiani compresi), a fronte di una spesa annua di quasi un milione di euro. L’assessore Fara, interrogato in merito, ha sostanzialmente assunto le difese della ADIGEST (la società che gestisce il verde), affermando che le potature sono controllate da un dirigente responsabile e un agronomo (…e chissà cosa sarebbe dei poveri alberi senza tutti questi controlli!), che la “drastica” potatura in viale Vittorio Veneto è stata necessaria per prevenire le parassitosi (un po’ come amputarsi il naso per non prendere il raffreddore, insomma) e che in ambiente urbano le potature vanno effettuate ogniqualvolta il proliferare delle chiome ostacoli la visibilità o possa costituire un pericolo per l’incolumità pubblica (tipo i rami e gli alberi del bosco del Lavello che, NON essendo stati potati, sono miseramente crollati sul parcheggio sottostante in occasione dell’ultima poderosa nevicata di 20 cm).

In merito all’elezione di Bruno Binasco alla presidenza della SLALA (“Sistema logistico del Nord Ovest d’Italia”), caldeggiata dall’Amministrazione tortonese, è stata ribadita dal Sindaco la piena e totale fiducia nel nuovo presidente (quindi il fatto che sia indagato evidentemente è un dettaglio insignificante…), magnificando altresì le virtù del settore logistico con tutti i nuovi investimenti in programma (ma nel programma elettorale del PD tortonese non c’era scritto che si sarebbe impegnato a porre un freno all’edilizia industriale e a limitare il consumo di territorio agricolo?).

Alla “magnificazione dei capannoni”, è quindi seguito “l’elogio dell’EXPO 2015” da parte dell’assessore Graziano, interrogata in merito alla delibera di stanziamento di oltre 41 mila euro a carico dei cittadini per le iniziative legate ad Expo presso la Cascina Triulza.

Alle altre interrogazioni presentate sono state fornite risposte variabili tra il nebuloso, il reticente e il piccato, come sulla questione dei rifiuti speciali rinvenuti presso la cava Armellino. L’assessore Fara ha affermato infatti che il Comune di Tortona aveva chiesto i rilievi all’Arpa già a ottobre 2014. Peccato però che siano stati effettuati solo quattro mesi dopo, “casualmente” dopo essere stati sollecitati dal M5S Tortona. Comunque ancora nessuna risposta alla domanda: L’Amministrazione Comunale sa PERCHE’ il COCIV (il consorzio che gestisce i lavori del terzo valico) aveva rinunciato a stoccare i materiali di scavo alla cava Armellino? Forse era già al corrente della presenza di rifiuti speciali (tipo amianto) e non voleva rischiare di risultarne responsabile? Ai posteri (speriamo di no) l’ardua sentenza.

Per finire: il M5S Tortona, unico insieme al consigliere Morreale, ha votato contro il regolamento sulle spese di rappresentanza, che è stato quindi approvato.

W i biglietti da visita, W gli omaggi floreali e W i tartufi.

Cinque stelle – Tortona

17 marzo 2015

furti - G