Novi ligure liceo Amaldi - ISono stati ben 37 i ragazzi che hanno risposto all’appello per la prima delle tre lezioni del corso di greco antico previste al Liceo Classico “A. Doria” di Novi, in Viale Aurelio Saffi, tenute dalla professoressa Lucina Alice, docente della materia presso lo stesso Istituto.  “La grande, sorprendente affluenza di alunni-dice l’insegnante- ci induce a fare alcune considerazioni. Intanto la scelta dell’ indirizzo di studi da intraprendere dopo la terza media rappresenta uno dei momenti nodali della vita di ognuno di noi. Decidere se iscriversi ad un liceo piuttosto che ad un istituto professionale o tecnico od anche ad una scuola di formazione significa mettere una importante ipoteca sul proprio futuro, così come non è irrilevante la scelta di un indirizzo piuttosto che un altro all’interno comunque di un liceo.

Tra i compiti imprescindibili di una scuola c’è anche quello di aiutare i ragazzi e le loro famiglie a compiere una scelta il più possibile consapevole e consona alle proprie inclinazioni.” Continua la docente: “Siamo tutti nati per fare qualcosa molto bene, ma non sempre a 13, 14 anni siamo altrettanto bravi a capire quale sia il campo in cui possiamo esprimerci al meglio delle nostre capacità. Il corso di greco va in questa direzione: offrire ai ragazzi un piccolo saggio di quella che sarà la straordinaria avventura intellettuale che lo studio delle lingue classiche comporta, per aiutarli a dare un nome e un contenuto alla loro scelta.”

Quindi sottolinea:”In secondo luogo troviamo che sia assolutamente importante, ci verrebbe da dire quasi commovente, che ancora tanti ragazzi del 2015, protagonisti del loro presente tecnologico e iperconnesso, siano comunque curiosi di conoscere la lingua ed il pensiero di una civiltà lontana. Che, abbiano, quindi la voglia e l’energia per intraprendere un percorso di conoscenza profonda, di qualcosa che apparentemente non appartiene al loro mondo e al loro immaginario. Questo ci fa capire che di ” morto” non c’è proprio nulla: ne’ nella lingua greca, ne’ nella mente e nell’anima della maggior parte dei nostri giovani. I ragazzi hanno dato una importante lezione a chi, disincantato e deluso, non crede più al valore della Cultura: ci hanno fatto credere ancora che noi tutti meritiamo Umanità e Bellezza.” Gli altri appuntamenti per il corso di Greco antico al Liceo Classico “Doria” si terranno lunedì 26 gennaio e lunedi 2 febbraio, sempre dalle 14.30 alle 16.

Maurizio Priano

22 gennaio 2015