Consegnato un assegno da 3 mila euro per la rassegna Teatro Ragazzi. A consegnarlo, durante una conferenza stampa tenutasi questa mattina, 30 giugno, in Sala Guala, i rappresentanti della Nova Coop e dei soci Coop locali.

La raccolta fondi, infatti, ha fatto parte del progetto Adotta una Scuola che Nova Coop porta avanti ormai da molti anni per finanziare iniziative che coinvolgono le scuole dell’infanzia e primarie del territorio.


Al tavolo dei relatori (da sx nella foto) erano seduti Alessandro Messina, responsabile di zona area soci e consumatori Coop, Rita Schipani, presidente Soci Coop di Casale Monferrato, Ornella Caprioglio, assessore alla Pubblica Istruzione, Renato Bianco, dirigente dell’Ufficio Pubblica Istruzione e Graziano Menegazzo, responsabile dell’Ufficio Pubblica Istruzione.

casale - I«Il Teatro Ragazzi è ormai una tradizione consolidata per la città e il territorio, – ha detto in apertura l’assessore Ornella Caprioglio – vicina al mondo della scuola, e ogni anno la risposta degli istituti è ottima. Ringrazio la Nova Coop per averci conferito questo assegno con la promessa che sarà investito concretamente in progetti che avranno al centro le scuole e la cultura».

Come ha sottolineato poi la presidente dei Soci Coop, Rita Schipani: «Quest’anno abbiamo voluto incentivare il teatro per orientare i ragazzi verso la cultura e promuovere i laboratori didattici. Nova Coop, a dimostrazione del proprio impegno e della propria attenzione per questa tematica, ha raddoppiato quanto donato dai soci».

È intervenuto anche il dirigente Renato Bianco sostenendo che, da un proprio punto di vista amministrativo, si ritiene soddisfatto di tale iniziativa, soprattutto perché è un chiaro esempio di collaborazione tra pubblico e privato.

In conclusione ha preso la parola Graziano Menegazzo: «La rassegna Teatro Ragazzi è un appuntamento al quale le scuole hanno sempre aderito con entusiasmo e interesse. Nonostante le risorse limitate, anche quest’anno la formula è stata avvincente, con un’ottima affluenza anche di classi e insegnanti. Vorrei precisare che gli spettacoli hanno da sempre un occhio di riguardo all’età dei giovani spettatori e si inseriscono nella programmazione proposta dagli insegnanti. Esibizioni all’insegna del divertimento, ma che stimolano anche la riflessione e la ricerca. Tematiche vicine alla realtà odierna e ai problemi vissuti come la lotta contro l’amianto».

1 luglio 2014