municipio - 3I .bmpIl Comune di Alessandria ha bandito una ‘Gara di idee per forme e percorsi di partecipazione dei cittadini alle decisioni pubbliche’. Il bando – che è disponibile da ieri presso l’URP oppure sul sito internet del Comune di Alessandria – si propone di raccogliere idee per la realizzazione di iniziative, progetti o temi di discussione aventi come obiettivo la diffusione dei principi, delle finalità e delle pratiche della partecipazione e della democrazia deliberativa in Alessandria.

“Si tratta di una gara un po’ particolare – ha dichiarato l’assessore alla Partecipazione Mauro Cattaneo – una gara che non prevede né graduatorie né premi. Ma è un appello rivolto ai nostri cittadini per sollecitare proposte e idee su cui il Comune intende successivamente avviare una fase di dibattito pubblico.”


Il bando prevede, infatti, una volta raccolte le proposte l’organizzazione di un calendario di presentazioni pubbliche e confronti con la cittadinanza sulle iniziative selezionate dal gruppo di lavoro insediato presso l’Assessorato alla Partecipazione. I proponenti potranno anche essere convocati per un’audizione dalla competente Commissione consiliare del Comune di Alessandria.

Le singole iniziative di presentazione saranno a carico dei proponenti. Il Comune si impegna a garantire una adeguata comunicazione riguardo alle iniziative oltre che l’utilizzo di spazi o locali di sua proprietà.

“Sono due gli obiettivi del percorso che intendiamo avviare con questo bando – prosegue l’assessore Mauro Cattaneo – c’è innanzi tutto la volontà dell’amministrazione di avviare una fase di ascolto e di pubblico confronto su proposte che arrivano direttamente dai cittadini, dalle associazioni e dai gruppi informali presenti sul territorio, dando protagonismo tanto ai soggetti proponenti che ai cittadini attivi che vogliano intervenire negli incontri pubblici. Vogliamo avviare una prima concreta sperimentazione di pratiche di partecipazione che in altri Comuni sono già attive da tempo.”

Il secondo obiettivo si ispira al Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione de beni comuni urbani recentemente approvato dal Comune di Bologna. “Una proposta innovativa che sta facendo scuola e che questa giunta intende riprendere – conclude l’assessore Mauro Cattaneo -. Crediamo che una stagione di rilancio che ci consenta di mettere alle spalle la fase del dissesto debba necessariamente contare su un nuovo protagonismo dei cittadini. L’esperienza e i risultati di questa prima sperimentazione ci daranno utili indicazioni su tale percorso.”

 13 luglio 2014