Con le assenze di Monica Manfredini e Dario Costa nelle file dell’opposizione alle quali si è aggiunta, nel corso della serata, quella di Pasquale Coluccio, il Consiglio Comunale di Pozzolo, il primo dopo l’insediamento ufficiale del nuovo Sindaco Domenico Miloscio, ha definito i regolamenti per la tassa rifiuti, ovvero la Tari, ed i termini e le modalità della sua riscossione.
Oltre alle commissioni consiliari. Qui Enrico Orlando, unico rimasto della minoranza, si è astenuto. Qualcuno, fra il pubblico, ha mormorato che avrebbe potuto votare e votare sé stesso in tutte le Commissioni. Del resto lo stesso Enrico Orlando ha fatto presente che, come consigliere più votato dell’opposizione, un posto nelle varie commissioni consiliari gli spetterebbe, ma ha fatto bene ad astenersi.

Il municipio di Pozzolo

Il municipio di Pozzolo

E’stato praticamente un ramoscello lanciato verso le altre formazioni ed esponenti che compongono la minoranza.
In sostanza: “potevo anche votarmi da solo ma preferisco che i componenti le commissioni, per quanto riguarda la minoranza, siano scelti assieme.”
Può essere da qui, da questo atto, la nascita di un’ intesa fra le diverse anime e figure della minoranza e quindi ad una minoranza che svolga la sua funzione di controllo e di stimolo ed anche di critica nei confronti dell’attuale Amministrazione Comunale. Una Amministrazione in cui le varie figure, non parlo certo quella di un Pappadà che di esperienza ne ha indubbiamente, devono ancora uscire alla luce. Ma ci sarà tempo, siamo solo agli inizi.
Riguardo alla Tari, ovvero la tassa che deve coprire integralmente i costi dello smaltimento rifiuti, sono state innanzitutto determinate le date: si pagherà il 31 luglio, il 16 novembre ed il 16 gennaio. Uno scaglionamento per evitare che la Tari si sovrapponesse al pagamento della Tasi ovvero la tassa per i servizi indivisibili del Comune, servizi quali la manutenzione delle strade e dell’illuminazione, fissato per il 16 ottobre.

Il sindaco Domenico Miloscio

Il sindaco Domenico Miloscio

La novità annunciata nel pagamento della Tari è un sostanziale riequilibrio fra le attività commerciali, fra i negozi come pizzerie, bar e ristoranti che lo scorso anno avevano avuto un aliquota più alta per il pagamento della Tares, ed altre attività come uffici e banche che invece avevano avuto una tassazione meno gravosa.
“La nostra intenzione-ha detto il Sindaco Domenico Miloscio che al momento ha ancora la delega al Bilancio-è un riequilibrio senza modificare gli altri tributi comunali. La Tari, lo ricordo, prevede una integrale copertura del servizio rifiuti.” In soldoni: gli uffici avranno, rispetto allo scorso anno, un aumento del 30% della tassa, gli altri una riduzione attorno al 20-25%. Un altro aspetto riguarda le attività industriali, soprattutto quelle che si occupano di riciclo dei rifiuti, che avranno delle agevolazioni per quanto riguarda la Tari. Riguardo alla integrale copertura dei costi del piano finanziario Tari, si evidenzia che la parte derivante dalle utenze domestiche è pari al 55% mentre il 45% deriva dalle utenze non domestiche. Prevista una riduzione nel pagamento della tassa anche per le utenze domestiche, per chi vive all’estero, per le persone ospiti di case di riposo. Qui le riduzioni saranno a domanda dell’interessato. Ulteriori riduzioni per nuclei familiari numerosi, con oltre quattro componenti. In questo caso la famiglia che si trova in condizioni di particolari difficoltà economiche è tenuta alla presentazione agli uffici comunali competenti del modulo Isee.
Le richieste saranno valutate dalla Commissione Consiliare competente. Il consigliere comunale di minoranza Enrico Orlando ha rilevato come l’Amministrazione, riguardo la determinazione della Tari, abbia accolto alcune proposte della minoranza, avanzate sul finire della scorsa legislatura, come le agevolazioni per le famiglie numerose. Aggiungendo che il discorso non deve più vertere sul pagamento della tassa rifiuti ma quello dei costi dello smaltimento. Felice Pappadà ha aggiunto che le coperture giungono anche dai proventi delle cave. Enrico Orlando si è quindi espresso favorevolmente per quanto riguarda il regolamento della Tari mentre si è astenuto sul piano finanziario per la determinazione dei costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani. Sono state quindi nominante le commissioni consiliari con il distinguo che solo in un secondo momento la minoranza sceglierà chi, fra i suoi membri, ne farà parte. Sono stati scelti quindi solo i componenti della maggioranza. In quella per gli Affari Amministrativi sono stati nominati Bottazzi Emiliano, Bidone Carlo e Andrea Carbone; in quella per gli Affari Tecnici, Alice Fumai, Carlo Bidone ed Emiliano Bottazzi; per gli Affari Sociali Carbone, Alice Fumai e Carlo Bidone; in quella per l’aggiornamento degli elenchi dei giudici popolari, oltre al Sindaco membro di diritto, Felice Pappadà e Rosaria Maggio. Il Consiglio Comunale si è concluso con le comunicazioni del Sindaco. La prima ha riguardato la frazione Bettole con i lavori per il cordolo che termineranno il 10 luglio, con asfaltatura successiva della relativa strada. La seconda il ripristino dell’asfalto fino all’ultima cascina in direzione di S.Bovo. Infine la sistemazione delle buche presenti in Piazza Italia e Piazza Matteotti e la riqualificazione del centro storico, in particolare in Via Roma, con le strisce pedonali e la sistemazione della segnaletica.
Infine l’annuncio che saranno calendarizzati incontri con le scuole del paese per sondarne le problematiche e le possibili soluzioni nell’ambito delle competenze del Comune.

Maurizio Priano

25 giugno 2014

Il centro di Pozzolo Formigaro

Il centro di Pozzolo Formigaro