Quasi 40 anni di differenza, tra l’uomo in giacca e cravatta e la studentessa, ma per lui era uguale: si era invaghito di quella splendida ragazza dalla pelle giovane incrociava nei pressi della stazione ferroviaria.

Quasi tutti i giorni per oltre un mese la aspettava nei pressi della fermata delle corriere di Piazza Fiume a Tortona e la seguiva sino al bar della stazione e in questo breve tratto di strada iniziava a farle apprezzamenti sulla sua bellezza e richieste di baci.


La ragazza prima ha cercato di evitarlo, poi lo ha respinto alla fine si faceva accompagnare dalle sue amiche, ma niente: l’uomo non si faceva problemi e continuava nelle sue avances anche davanti alle amiche della giovane.

I suoi apprezzamenti, le sue richieste di baci e soprattutto lo stato di ansia ed angoscia della ragazza non sono sfuggite ad una signora brillante e determinata, la quale di fronte al comportamento dell’uomo non ha esitato ad allertare gli agenti della Polizia ferroviaria operanti all’interno della stazione informandoli di quanto avvenuto in precedenza.

Gli agenti della Polizia ferroviaria al comando dell’Ispettore Paolino Ambrosino, hanno avviato indagini e alla fine sono venuti a capo della vicenda, denunciando per Stalking l’uomo: G.C., 56 anni, distinto ed insospettabile signore in giacca e cravatta, funzionario di una importante azienda di Alessandria.

La denuncia alla Procura della Repubblica di Alessandria è giunta in seguito a mirati appostamenti effettuati dagli agenti in borghese, raccolte di informazioni testimonianze filmati ed altro che hanno evidenziato palesemente il comportamento dell’uomo.

Il 56enne è stato quindi fermato e portato in caserma. Di fronte al quadro accusatorio schiacciante, l’uomo non ha potuto far altro che confessare le proprie responsabilità, ammettendo tra l’altro di aver preso una “sbandata” per la ragazzina ed è scattata le denuncia nei suoi confronti.

Il posto di polizia della stazione fino a quando rimarrà in funzione continua nella sua attività di prevenzione e repressione dei reati in ambito ferroviario e, in virtù dell’episodio appena emerso, intensificherà i controlli volti a garantire la sicurezza dei giovani studenti che ogni giorno transitano nella stazione ferroviaria.

 30 maggio 2014

foto polfer - g