I recenti controlli dei carabinieri della compagnia di Alessandria disposti su tutto il territorio alessandrino hanno dato i suoi frutti con sei persone denunciate fra cui due coppie di marito e moglie e un arresto.

Iniziamo con l’intervento dei Carabinieri di Solero che hanno denunciato per detenzione di strumenti atti ad offendere e possesso ingiustificato di arnesi da scasso una coppia di cittadini rumeni controllati nottetempo in quel Comune.


I due (marito e moglie, rispettivamente di 30 e 29 anni, residenti ad Asti) non hanno fornito ai militari spiegazioni ritenute sufficienti a giustificare il possesso di una roncola, di un coltello da sub, di vari attrezzi da carpentiere nonché una tanica (vuota) da 25 litri che si ritiene dovessero servire a perpetrare il furto di carburante dai veicoli in sosta. I Carabinieri del quartiere Cristo, invece, hanno denunciato una coppia di marocchini (marito e moglie) che dal 24 aprile risultano aver occupato abusivamente un alloggio di proprietà dell’Agenzia Territoriale della Casa e in esecuzione di un ordine di espiazione di pena detentiva a mesi due di arresto per violazione delle norme relative all’assunzione di lavoratori stranieri da parte del datore di lavoro, emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Torino hanno arrestato il 46enne cittadino di nazionalità marocchina residente in Alessandria Chawki El Mostafa.

L’uomo, rintracciato dai militari dell’Arma è stato accompagnato presso la propria abitazione dove espierà la pena in regime di detenzione domiciliare come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

I Carabinieri di Occimiano, infine, hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica un 47enne residente a Casale Monferrato ed un 23enne di Occimiano.

I predetti, controllati a Mirabello Monferrato dai militari operanti mentre si trovavano alla guida delle rispettive autovetture e sottoposti ad accertamento con apparato etilometro, sono risultati positivi all’assunzione di sostanze alcoliche evidenziando un tasso alcolemico superiore a quello consentito.

20 maggio 2013