Tagli per duecentomila euro ai Servizi a domanda individuale e a quelli alla persona. Questo l’imperativo del Comune di Tortona che sta rivedendo e riorganizzando alcuni servizi socio-educativi, come ad esempio gli asili nido, il baby parking, la ludoteca e il centro estivo, in modo tale da non privare le famiglie di servizi importanti e non aumentare le tariffe già abbastanza alte (lo scorso anno sono aumentate in media del 40%).

«Stiamo analizzando e valutando servizio per servizio – dice l’assessore ai servizi sociali Laura Castellano -interventi che ci consentano di arrivare ad una formula che ben si sposi con le nostre esigenze di ottimizzazione e quelle delle famiglie di avere un supporto socio-educativo e assistenziale. In particolare stiamo pensando a una maggiore flessibilità degli orari per alcuni servizi come gli asili nido, piuttosto che accorpamenti tra servizi di medesima natura come ad esempio il baby parking e la ludoteca. Per altri servizi (come il centro estivo, ndr) non si esclude la possibilità di valutare una modalità gestionale differente rispetto a quella adottata fino ad oggi. Naturalmente sono ancora ipotesi in fase di definizione».


Quindi si cercherà di ottimizzare l’offerta mantenendo lo standard del servizio ma senza gravare sui bilanci delle famiglie e questi impliherà gioco forza una riduzione dell’orario o un accorpamento. Le voci che erano circolate parlavano di soppressione del Centro estivo, ma quanto pare verrà solo ridimensionato.

4 marzo 2013