Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Alessandria hanno intensificato i controlli e negli ultimi giorni sono riusciti a sventare due rapine, una truffa, un furto e la spendita di banconote false e un tentativo di sequestro di persona.

Sei episodi in cui sono stati individuati e denunciati alla Procura della Repubblica di Alessandria i sei malviventi autori dei reati.


Giacomo Andrea S. 25 anni, residente a Desio è stato sorpreso a rubare merce varia dagli espositori del bar-buffet della stazione ferroviaria di Alessandria nascondendo la merce nelle tasche e nello zainetto, ma è stato denunciato per furto aggravato e la merce restituita.

Per rapina di un cellulare Samsung Galaxy, invece è stato denunciato Simone M. 18 anni, residente a Genova che secondo l’accusa lo ha strappato di mano ad un giovane minorenne di 17 anni.

Denunciato per tentata rapina anche Janderson Steward M., 21 anni, colombiano e residente a Bistagno che mentre si trovava sul convoglio ferroviario 4620 (Savona/Alessandria) in prossimità della stazione Ferroviaria ha cercato di rubare una catenina d’oro ad un viaggiatore.

Per spendita di monete contraffatte, invece è stato denunciato Tiziano G. 35 anni, bresciano, senza fissa dimora che ha cercato di rifilare una banconota falsa al tabaccaio della stazione che però se n’è accorto ed ha chiamato gli agenti della Polizia Ferroviaria.

Denunciato per truffa, invece, Michele S., 18 anni, residente a Lucera in ordine ad alcune compravendite “Online” mai andate in porto, utilizzando il noto sito online www.subito.it.

Infine per sequestro di persona è finito nei guai Hammami T. 36 anni, tunisino, senza fissa dimora che ha fermato una giovane rumena di 20 anni e con una scusa è riuscito a chiuderla nei bagni della stazione bloccandone la porta scorrevole prima e trattenendola per un braccio, ma la ragazza è riuscita a scappare e dare l’allarme chiamando gli agenti della Polfer.

 8 marzo 2013