Pubblichiamo di seguito la lettera che l’animalista tortonese, Paola Re ha inviato a diverse aziende leader nella vendita di prodotti per gli animali, ubicate in tutta Italia, e al nostro giornale, per sensibilizzarle ad usare prodotti realizzati con scelte di tipo etico e contro la vivisezione.

********

Spett.le Azienda,

l’azienda multinazionale Marshall Farm è proprietaria del noto allevamento Green Hill, “fabbrica” di Beagle destinati agli esperimenti di vivisezione di tutta Europa.
Negli ultimi anni, la campagna del Coordinamento Fermare Green Hill ha sensibilizzato milioni di persone, facendo loro conoscere il dramma della vivisezione, con lo scopo di chiudere questo allevamento e di fermare questa tortura che è passata a lungo sotto silenzio purtroppo per il disinteresse dei media e delle istituzioni.

La Marshall Farm è specializzata nell’allevamento e nella vendita di cani e furetti per i laboratori di vivisezione e ha la più grande colonia di Beagle da laboratorio del mondo, con allevamenti negli Stati Uniti, in Europa e in Cina. Gli animali che nascono dentro i loro stabilimenti e dentro Green Hill sono destinati a esperimenti di qualunque tipo: inalazione forzata di sostanze fino alla morte, rottura delle zampe, ustioni, test cosmetici, test chimici, estrazione di denti per testare nuovi impianti odontoiatrici, operazioni chirurgiche senza anestesia. Tutto questo fino alla morte e anche oltre, con autopsia ed eliminazione dei cadaveri nella spazzatura. Questa è la vita di un animale da laboratorio.

Dal 1983 la Marshall Farm ha deciso di espandere il proprio mercato allevando furetti come “pets”. Nasce così la Marshall Pet Products, ovvero il più grande allevamento di furetti degli Stati Uniti.

Vi invito a reperire maggiori informazioni a questo link:  http://www.fermaregreenhill.net/wp/campagna-marshall-pet

Inoltre provvederò a divulgare il più possibile notizie  affinché la gente inorridisca di fronte al business della vivisezione che ogni anno manda al massacro milioni di animali innocenti.

Sul sito web della CHIFA srl si legge che la CHIFA, in attesa di chiarimenti se i furetti vengano usati come animali da laboratorio, ha deciso di sospendere da subito l’importazione e la commercializzazione dei furetti Marshall. E’ un gesto apprezzabile, se non altro fino ai dovuti chiarimenti.

Le seguenti aziende hanno tolto i prodotti Marshall  dai loro cataloghi online o dai loro negozi:

ZOOPLUS, NUTRIPET, PETIDEA, PETNET, PACOPETSHOP, MONDOPETSHOP, ZOOMEGASTORE, CENTRO GIARDINAGGIO SAN FRUTTUOSO,  AMICIPERILPELO.

Sono certa che la vostra azienda otterrebbe un beneficio nelle vendite con scelte di tipo etico che si vanno diffondendo con sempre maggiore ragionevolezza e consapevolezza e i consumatori vi ricompenserebbero proprio per la vostra sensibilità.

Cordiali saluti.

Paola Re – Tortona

 18 febbraio 2013