Possibili guai in vista per la Giunta Comunale? E’ quello che potrebbe emergere dall’ennesima nota che la Procura Regionale della Corte dei Conti ha inviato al Comune sulla vicenda Farmacom, la società che gestisce le due Farmacie Comunali.

La Corte dei Conti evidentemente non è soddisfatta appieno della risposta che la scorsa settimana il Comune di Torotna ha inviato a giustificazione che la Farmacom, società dichiarata illegittima dall’Authority e dalla stessa Corte dei Conti, sia ancora funzionante e gestita dallo stesso Comune e ha chiesto di conoscere le spese sostenute per costituzione della società, le spese per la consulenza con lo studio Guandalini di Bologna e con l’avvocato Bruno Nicoloso, trasmettendo copia dei mandati di pagamento.


La Corte dei Conti, inoltre, chiede copia dei bilanci di esercizio dal 2010 fino all’ultimo bilancio approvato, e vuole entrare in possesso di TUTTI (così in maiuscolo e in bella evidenza è scritto sulla nota) gli atti e contratti costitutivi di garanzia reale o personale prestate dal Comune o dall’ Azienda Tortonese Multiservizi (ATM) a garanzia dei debiti di Farmacom, nonché copia dei relativi contratti di finanziamento conclusi da Farmacom.

Insomma richieste ben dettagliate che la dicono lunga su come la Procura voglia vederci chiaro rispetto ad una vicenda che si protrae da diversi anni, malgrado il consigliere comunale Paolo Ronchetti, abbia sempre sollevato eccezioni sulla legittimità di Farmacom.

Eccezioni che si sono concretizzate pochi mesi dopo la costituzione della società, all’inizio del 2011 con il parere negativo dell’Autorità di Vigilanza sui contratti Pubblici che aveva dichiarato illegittima la società.

A distanza di due anni la situazione non è cambiata, di qui le richieste della Corte dei Conti che, a quanto pare, non ha ritenuto sufficienti, tutte le giustificazioni del Comune sulla possibile fusione con la Società Farm.Al di Alessandria o l’ipotesi della trasformazione di Farmacom in azienda speciale.

La Corte dei Conti vuole sapere quanto è costata alla collettività la costituzione di questa società illegittima: in previsione di una possibile richiesta di rifondere un ipotetico danno erariale nei confronti di chi ha costituito la società o solo per semplice conoscenza?

Entro poche settimane probabilmente sapremo la risposta.

 19 febbraio 2013