In meno di 48 ore il Ministro del Lavoro Elsa Fornero risponde al sindaco Giorgio Demezzi, dando la sua piena disponibilità a far nascere un Tavolo di Confronto per individuare e mettere in atto iniziative comuni e strategiche per il recupero delle provvisionali previste nella storica sentenza del Processo Eternit del 13 febbraio 2012.

La proposta fu avanzata dal primo cittadino casalese lo scorso mercoledì 23 gennaio, con l’indicazione di riunire intorno a un tavolo gli enti e le associazioni direttamente interessate dalle provvisionali e le associazioni che rappresentano i singoli cittadini: Ministero del Lavoro, Ministero della Salute, Inail, Regione Piemonte, Asl AL, Associazione Vittime Amianto, Onlus Medicina Democratica e le sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil.


Venerdì 25 gennaio è poi giunta la risposta del ministro Fornero: «La celerità nel rispondere alla mia missiva – ha sottolineato Giorgio Demezzi – dimostra non solo l’interesse che il Ministro Fornero ha nei confronti del problema amianto a Casale Monferrato, ma anche la ferma volontà di risolvere la questione velocemente con azioni concrete. Non posso, quindi, che ringraziare il ministro Elsa Fornero per aver accolto la mia proposta e per essersi interessata personalmente affinché l’Inail si faccia promotrice della nascita del Tavolo di Confronto».

Come si legge nella lettera del Ministro, infatti, Elsa Fornero ha invitato l’Inail a convocare quanto prima il Tavolo a cui «parteciperanno qualificati rappresentanti di questo Ministero, al fine di assicurare continuità ai lavori».

«Il Tavolo dovrà essere uno strumento per giungere nel minor tempo possibile a individuare quei percorsi che ci permettano il recupero delle provvisionali: poter contare sull’appoggio di tutti gli Enti interessati, permetterà sicuramente di lavorare concretamente e puntualmente su un argomento così importante per Casale Monferrato e il suo territorio», ha concluso il sindaco Demezzi.

 29 gennaio 2013