Il primo volume in versi, pubblicato nel 1972 dal titolo il giorno è breve, edito da Rebellato di Padova, è stato l’inizio dei lavori letterari di Giampaolo Cavallero, da cui ha ricevuto lusinghieri giudizi da autorevoli critici, con l’esorto a continuare in questa sua dote letteraria.

Le pagine scritte da Gianpaolo sono ritenute …testi essenziali, lucidi, molto intensi, così come scrive, nel novembre del 1974. il titolare della Cattedra di Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea dell’Università degli studi di Torino,

Le sue parole, prima di essere riportate sulla carta, escono dal cuore, poi dalla mente, infine la mano traccia i simboli affinché possano essere trasmesse dall’editore il quale, nel considerare la qualità delle rime, non ha esitato ad inserirli in diverse antologie scolastiche.

La sua attività di poeta è apprezzata, con la pubblicazione sotto i titoli più svariati: da Partita di ping – pong, quindi Dolente Eraclito, per proseguire Da che tempo, e, ancora Occhi non fingono.

La raccolta di maggior prestigio, per Gianpaolo, è sicuramente l’opera Sotto Ali Giganti, uscito nel 2007 con la prefazione di Romano Battaglia, stampato per la Collana Il Quadrifoglio di Ibiskos Ulivieri, meritevole del prestigioso riconoscimento fra i finalisti del quarto Concorso Internazionale Autori per l’Europa.

La sua verve poetica ha colpito il pubblico emiliano durante lo svolgimento del Campionato Nazionale Poesia Orale 2012, svolto al Circolo Guernelli di Bologna, riuscendo a conquistare il 28esimo su oltre 400 partecipanti; ha superato il primo girone della semifinale, raggiungendo i massimi vertici fra i migliori quaranta, accattivando il gradito consenso di ‘Vincitore per il Pubblico’.

Franco Montaldo

 13 gennaio 2013