Mercoledì mattina, presso la Sala Consiliare del Municipio di Voghera, si è tenuta la conferenza stampa illustrativa dell’operazione industriale fra Asm Voghera Spa e Asmt Tortona.

All’incontro erano presenti i sindaci di Tortona e Voghera, Massimo Berutti e Carlo Barbieri, il vicesindaco di Tortona, Carlo Galuppo, il Presidente e il Direttore Generale di Asm Voghera Spa, Filippo Musti e Stefano Bina.


“ASM Voghera ha fatto un’offerta per acquisire ASMT con esito positivo – ha detto il sindaco di Voghera, Carlo Barbieri -. E’ un risultato importante. Quello che Voghera e Tortona hanno in animo da tempo sta trovando un suo compimento con una sinergia territoriale dettata dal fatto che sono molto simili; entrambi sono territori con una Comunità montana. E’ un punto di partenza per il futuro che riteniamo particolarmente proficuo. Provincia e Regione sono diverse ma ci unisce una Curia”.

“Siamo qui in qualità di cedenti – ha spiegato il sindaco, Massimo Berutti -. Siamo arrivati qui a causa delle criticità e della necessità in cui si è trovato il Comune di Tortona. Quella di vendere ASMT è stata una scelta difficile, complicata e tirata nel tempo perché cercavamo altre strade da percorrere. E’ stata una scelta ponderata. Sono contento che ci sia ASM Voghera per due motivi: il primo è che c’è una società pubblica e questo è elemento rilevante di attenzione e garanzia perché il dialogo fra realtà pubbliche è importantissimo. Ci vuole sempre attenzione particolare nei confronti dei cittadini. ASM lavora bene ed è per tale ragione che questa è una cessione che fa ben sperare per il futuro. In secondo luogo Tortona e Voghera sono due territori collegati e in un momento in cui le strategie portano a lavorare su certe grandezze è importante fare massa critica in termine di sviluppo e di razionalizzazione. Sono convinto che anche oggi da soggetti acquistati comunque si possa lavorare per il bene della nostra città. Noi siamo ben disposti e diamo la nostra disponibilità a sederci al tavolo a fianco di ASM e del comune di Voghera. Siamo usciti con le partecipazioni azionarie ma siamo presenti per lavorare in sinergia”.

Invito subito accolto dal primo cittadino di Voghera, Carlo Barbieri, che ha sottolineato la necessità “di iniziare un percorso nuovo sia per Tortona che per Voghera”.

“Da parte nostra valutiamo l’acquisizione come una collaborazione – ha chiosato il presidente di ASM Voghera, Filippo Musti -. Sono sicuro che in collaborazione fra noi e Tortona saremo capaci di costruire e che si avranno benefici sia per i cittadini di Tortona che di Voghera. Sinergia importante con territorio vicino e che ha accontentato tutti”.

“Questa operazione è il primo passo di un percorso societario che vedrà coinvolta ASMT e che inizierà quando verrà espletata la procedura relativa al diritto di prelazione. La nostra idea è di portare ASMT a funzionare come ASM che oggi opera in delegazione interurbana, come strumento di operatività diretta per i cittadini – ha detto il direttore generale di ASM Voghera, Stefano Bina -. E’ indispensabile che venga gestito in collaborazione con il Comune di Tortona. Prevediamo un futuro di sviluppo per ASMT e non di conservazione. Cercheremo di dare dei vantaggi al cittadino”.

Nello specifico si valuterà se in termini di riduzione dei costi o aumento dei servizi allo stesso costo.

Oggi ASMT ha quattro rami d’azienda: distribuzione del gas metano, vendite gas metano, gestione dei servizi ambientali e dei servizi idrici.

ASM Voghera ha fatto un’offerta cumulativa con la società Ariet Srl di Voghera e l’ipotesi di accordo, come detto in conferenza stampa, prevede che ad ASM Voghera rimangano i servizi ambientali e i servizi idrici mentre ad Ariet vadano gli altri asset relativi alla distribuzione e commercializzazione del gas, quindi la partecipazione in Chiara gas.

 19 dicembre 2012