Sarà piu facile vendere gli immobili e le partecipazioni azionarie del Comune. La giunta comunale, infatti, ha approvato le modifiche al Testo del Regolamento per l’alienazione dei beni mobili e immobili appartenenti al patrimonio comunale. Le modifiche prevedono che il Consiglio comunale individui, mediante proprie deliberazioni, i beni immobili suscettibili di alienazione nell’ambito delle procedure di adozione ed approvazione del Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari, previste dalla normativa.

Per quanto riguarda l’asta pubblica le modifiche prevedono che il bando d’asta sia pubblicato, in versione integrale, all’albo pretorio comunale e sul sito internet del Comune per un periodo di almeno trenta giorni prima del giorno fissato per l’incanto. Il bando d’asta è altresì pubblicato, per estratto, su almeno un quotidiano o periodico locale e attraverso manifesti affissi nel territorio comunale. Se il prezzo a base d’asta di un bene posto in vendita raggiunge o supera la somma di € 1.000.000 si provvede, altresì, alla pubblicazione dell’estratto del bando d’asta su almeno un quotidiano a tiratura nazionale.


Per quanto concerne il sistema dell’asta pubblica semplificata può essere utilizzato unicamente: quando il valore del bene da vendere venga stimato per un importo inferiore a € 400.000,00 e quando l’asta pubblica sia andata deserta.

 14 dicembre 2012