«Abbiamo accolto con favore la richiesta di Confesercenti e Confcommercio, perché crediamo fermamente che le festività debbano essere un momento di meritato riposo per tutti, durante le quali ci si possano trascorrere delle ore in famiglia nella gioia del Natale e nell’attesa del nuovo anno».

Con queste parole il sindaco di Casale Monferrato, Giorgio Demezzi, ha commentato l’ordinanza firmata ieri, martedì 18 dicembre, in cui si obbliga alla chiusura degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio nelle giornate di martedì 25 e mercoledì 26 dicembre e martedì 1° gennaio 2013.


Una decisione nata dall’incontro avvenuto giovedì 13 dicembre in Provincia, durante il quale la Confesercenti e Confcommercio richiedeva proprio ai sindaci di adottare delle ordinanze per la chiusura dei negozi.

Serrande abbassate, quindi, per tutti i negozi, compresi i super e gli ipermercati. Saranno però esclusi dall’obbligo di chiusura, tra gli altri, gelaterie e pasticcerie, edicole, fiorai e altre attività artigianali.

«Sono convinto che riappropriarsi del tempo da dedicare alle persone care sia un segno di civiltà, oltre che ricoprire un fondamentale ruolo sociale», ha concluso il sindaco Demezzi.

19 dicembre 2012