Brillante intervento dei militari della Guardia di Finanza di Acqui Terme, che nel corso di specifici controlli effettuati in collaborazione con funzionari dell’Azienda Autonoma Monopoli di Stato, hanno sequestrato 10 apparecchi di gioco del tipo “Newslot” e circa 2.700 euro contenuti al loro interno installati in una sala giochi della città termale.

Le macchinette sono risultate non conformi ai requisiti tecnici richiesti perché prive del necessario dispositivo che impedisce, sotto qualsiasi forma, eventuali tentativi di manomissione dei contatori e delle modalità di erogazione delle vincite.


I congegni sottoposti a sequestro amministrativo in previsione della confisca, sono stati affidati in giudiziale custodia al gestore.

Per detta violazione è prevista una sanzione fino a un massimo di euro 4.000,00 per ogni apparecchio irregolare

Il denaro sequestrato sarà invece depositato su di un conto intestato all’Azienda Autonoma Monopoli di Stato della Sezione distaccata di Alessandria.

Sale quindi a 18 il numero dei gestori segnalati dall’inizio dell’anno in esito a un’azione di vigilanza che le Fiamme Gialle assicurano con continuità al fine di contrastare ogni forma di illegalità in materia, il gioco minorile in particolare, e l’evasione fiscale che ne deriva.

Dall’inizio dell’anno, le imposte evase accertate in questo settore operativo ammontano a oltre duecentomila euro.

La finanza ha intensificato i controlli anche a causa del recente proliferare delle sale gioco su tutto il territorio provinciale.

 14 dicembre 2012