Ho presentato una seconda interpellanza sull’AMIU e spero vivamente di avere risposte, almeno questa volta. Ritengo peraltro la materia urgente. Con la seconda interpellanza vorrei conoscere il Piano industriale di ristrutturazione del servizio pubblico con riduzione dei costi a carico dell’utenza finale (TIA) e in quali tempi, con quali modalità e con quali risorse il Comune di Alessandria intende agire per raggiungere gli obiettivi citati, pur in un quadro di annullamento degli sforzi precedenti per garantire un futuro all’Amiu e alle sue maestranze, anche utilizzando appieno il contenuto della clausola sociale già formalizzata per il bando di gara effettuata nel dicembre 2011.

Peraltro nella la delibera della Giunta Comunale del 13 settembre scorso, si assumono illegittimamente indirizzi che sono competenza del Consiglio Comunale, oltre a percorsi che non appaiono eticamente praticabili. E’ bene dunque riferirsi all’aula consiliare per condurre un serio dibattito sulle prospettive dell’Amiu.

 Piercarlo Fabbio 

18 novembre 2012