Caro direttore e cari concittadini,

oggi mio padre mi ha raccontato un episodio accaduto presso lo sportello AIPA in occasione della consegna dei dati catastali richiesti in relazione alla tassa “TIA” (Tariffa Igiene Ambientale) e ne sono rimasto allibito.

In sostanza mi ha riferito che esiste la possibilità di richiedere, se concorrono particolari condizioni, sconti sulla tariffa applicata della TIA attraverso un apposito modulo da compilare che darà diritto a tali sconti a partire dall’anno successivo alla richiesta.

Incuriosito dalla vicenda sono andato sul sito internet del Comune di Tortona alla pagina dedicata alla TIA e con sorpresa/delusione non ho trovato traccia di questa possibilità. Non contento ho controllato anche il sito internet dell’AIPA, che gestisce per conto del Comune questa tariffa, ed anche lì non vi è nessun documento in merito da scaricare e l’unica informazione si trova all’interno della sezione faq, relativa però alla TARSU, ma con risposte generiche.

Tali diminuzioni sono essenzialmente di quattro tipi:

immobile detenuto da utente residente all’estero utilizzato per un periodo inferiore a 183 giorni (anche non continuativi): riduzione 50%, nuclei familiari in condizione di disagio economico e sociale (reddito ISEE nucleo familiare con 4 o più componenti e la superficie abitativa non sia inferiore a 100 metri quadrati), nella quantificazione dei componenti del nucleo familiare non si tiene conto dei portatori di handicap (minimo invalidità del 70%) nonchè di persone anziane non autosufficienti, nuclei familiari composti da due persone, ambedue di età non inferiore ai 65 anni, che occupano locali ad uso abitazione civile (A2, A3, A4, A5, A6) usufruiscono della riduzione del 20% del corrispettivo della tariffa variabile. La riduzione è elevata al 30% qualora i nuclei familiari non siano proprietari dei locali occupati ad uso abitazione.

Queste sono le quattro possibilità che si leggono sul modulo consegnato a mio padre all’atto della richiesta, ma non collimano con quanto letto sull’art. 15 del Regolamento per l’applicazione della TIA, scaricabile dal sito dell’AIPA relativo al Comune di Tortona, al quale si fa esplicito riferimento. Infatti esistono differenze per il punto 1, nel regolamento, all’ art. 8, è estesa tale opzione anche alle utenze non domestiche; il punto 2, nel Regolamento la superficie non deve essere superiore ai 100 metri quadrati; ed il punto 4, lo sconto è applicato anche alla tariffa unitaria.

 

ALTRI SCONTI

Inoltre è interessante leggere anche l’art. 16:

“art. 16 – determinazione dei coefficienti di riduzione della parte variabile del corrispettivo della tariffa nei casi di raccolta differenziata o recupero dei rifiuti

1. Il Comune concede agevolazioni per la raccolta differenziata previste dall’articolo 49, comma

10, del D.Lgs. n. 22 del 5.2.1997, attraverso l’abbattimento della parte variabile del corrispettivo

della tariffa, per una quota proporzionale ai risultati singoli o collettivi raggiunti dalle utenze in

materia di conferimento a raccolta differenziata.

2. Il produttore di rifiuti speciali, dichiarati assimilati ai sensi dell’art.21, comma 2, lettera g) del  D.Lgs. n. 22 del 5.2.1997, che dimostri, mediante attestazione del soggetto che effettua l’attività di recupero dei rifiuti stessi, di averli avviati al recupero, ha diritto ad una riduzione del corrispettivo della tariffa, proporzionale alla quantità di rifiuti assimilati avviati al recupero.

3. La determinazione della riduzione spettante viene effettuata a consuntivo dall’Amministrazione Comunale e comporta il rimborso o la compensazione all’atto dei successivi pagamenti del corrispettivo della tariffa per la quota variabile.”

 

PERCHE’ NON LO DICONO?

Ora, io mi chiedo:

é forse un segreto da non rivelare ai cittadini tortonesi che esiste tale opportunità di ottenere degli sconti?

Viste le attuali tecnologie (internet e possibilità di vedere le delibere comunali ecc…) ed il livello di istruzione generale dei cittadini, è mai possibile che questi nostri amministratori siano così inefficienti?

Verrà applicato anche l’ art. 16? mi sembra che il Comune di Tortona obblighi la raccolta differenziata…

Tali domande sorgono spontanee in esito al fatto che l’AIPA non ne fa menzione nella lettera spedita ai cittadini tortonesi ed anche alla luce delle dichiarazioni dell’assessore Calore che non menzionava neanche lontanamente la possibilità di richiedere degli sconti. Che non lo sappia neanche lui? O la condizione economica del Comune è tale da cercare di reperire fondi a tutti i costi?

Credo sia giusto che i Tortonesi sappiano dell’esistenza di tali possibilità direttamente dal Comune o dall’AIPA e non da un concittadino arrabbiato.

Distinti saluti.

Alessandro Dello Vicario

 23 novembre 2012