Mercoledì mattina alle ore 10,30 si sono riunite in seduta congiunta le commissioni Bilancio e Cultura per esaminare la proposta di delibera della Giunta riguardo l’istituzione della nuova azienda speciale “Costruire Insieme”. Al di lá del merito della questione dibattuta nel corso della riunione, spiace rilevare come questa maggioranza abbia scelto di perseguire la strada dello scontro anziché del confronto, con arroganza e senza alcun rispetto della legalità delle procedure amministrative.

Oggi è stato impedito al sottoscritto consigliere comunale, nell’esercizio delle sue funzioni commissariali, di completare la presentazione delle sue richieste di approfondimento riguardo alle questioni legate all’istituzione dell’azienda speciale a causa dell’orario avanzato (circa le ore 13,30). Alla mia richiesta di proseguire con la commissione fino all’esaurimento del dibattito o alternativamente alla convocazione di una nuova commissione mi è stato risposto che non potevo più intervenire ed è stata chiusa autoritariamente la commissione.

In secondo luogo la convocazione delle commissioni non prevedeva l’espressione del parere sulla proposta di delibera, motivo per cui alcuni commissari potrebbero non aver partecipato alla riunione. Ciò nonostante il Presidente della Commissione ha posto illegittimamente ai voti l’espressione del parere che, pertanto, risulta privo di ogni efficacia.

Per questi motivi chiederò che venga rinviata la discussione della proposta ad un successivo consiglio comunale, al fine di completare il necessario approfondimento della questione e per poter esprimere un parere regolamentare alla proposta di delibera in esame.

Emanuele Locci

Per la cronaca la Commissione ha poi votato a favore della costituizione dell’azienda speciale.

Ricordiamo ai lettori che le Commissioni consiliari hanno valore puramente consultivo e non decisionale e che il Consiglio comunale è sovrano e può approvare un atto anche senza il parere della Commissione che non è vincolante.

Trattandosi di organi consultivi, non è obbligatorio che un argomento venga preventivamente discusso in Comsmsione prima di essere approvato dal Consiglio comunale.

La Commissione però è un ulteriore organo democratico nella quale i consiglieri possono approfondire delibere e questioni prima di essere portate all’approvazione del Consiglio.

 8 agosto 2012