Direttore buon giorno,

La stampa locale ci informa che la giunta Berruti ripresenterà l’offerta di vendita sia per il Palazzo Leardi sia per l’ex mercato coperto con la diminuzione del prezzo d’asta di 1/5 (-20%).

Che si facciano tentativi di vendita del palazzo Leardi e di altre attivita, terreni compresi è certamente una lodevole iniziativa anche se l’attuale congiuntura, nel bel mezzo di una crisi globale è certamente il momento meno adatto alla vendita dei beni dei cittadini.

Rivolgo invece un invito al sindaco e alla sua Giunta di soprassedere alla vendita dell’ex mercato per una pausa di riflessione.

Certamente Piazza Milano tutta intera con il mercato coperto sarà una area strategica per il futuro di Tortona e dei suoi cittadini per le ragioni che provo ad esporre:

 l’ex mercato con qualche modifica potrebbe diventare la sala polifunzionale della citta dove concentrare tutte le manifestazioni cittadine sull’esempio di quello che l’amministrazione di Novi Ligure, certamente più vicina ai propri cittadini, si è dotata, da circa 15 anni, nel costruire il Museo dei Campionissimi E’ semplicemente una sala polifunzionale che si trasforma in centro fieristico per la promozione delle produzioni del territorio, manifestazione che va sotto il nome “dolci terre di novi” o in sala di manifestazioni varie, mostre, concerti per i giovani e sopratutto rappresenta una sala di aggregazione.

L’area piazza Milano- Mercato coperto dovrà essere utilizzata invece per un garage sotterraneo multipiano data la vicinaza con Piazza Duomo con uscite pedonali sotterranee direttamente in piazza delle Erbe e alla Stazione ferroviaria ed anche verso via s.Marziano.

Perchè serve un garage multipiano: credo sia sotto gli occhi di tutti cosa è successso in passato nel centro storico della nostra citta; elenco alcuni casi limite: palazzi costruiti con un ottica solo speculativa di otto piani senza garage o posti macchina, soppressione della piazza delle Erbe con edificazione del tribunale senza posti macchina, un fungo in piazza S.Rocco senza posti macchina ecc.ecc Penso sia comprensibile che per sanare questi errori s’imponga la costruzione di un garage nella piazza Milano. Sarebbe anche un modo di stroncare una speculazione di pochi su molti ove le quotazioni odierne di un “loculo” per auto hanno raggiunto valori fuori controllo.

Si aggiunga anche che sono aumentati negli ultimi anni il numero delle persone che sono state costrette a cercare lavoro fuori Tortona dopo che ammnistrazioni di ogni colore si sono disinteressate a richiamare sul nostro territorio industrie ed altre attività collaterali e questi pendolari oggi gravitano sulla stazione dei pulman e ferrovia

Per l’esecuzione di tale opera il comune,attualmente oberato di un debito superiore a 70 milioni senza risorsa alcuna e con interessi annuali che si aggirano su 3.5 milioni pagati dai cittadini, dovrà ricorrere al principio di sussidiarietà: in pratica dovrà dare in concessione la costruzione del manufatto ad una società privata per un lasso di tempo di 50/70 anni che si ripaghera dell’investimento applicando le tariffe di posteggio e l’affito della sala.

Sarebbe semplicemente un’ ingiuria al buon senso se si dovesse insistere nella vendita perchè agli errori del passato si andrebbero aggiungere quelli di oggi.

Confido ancora nella Giunta Berruti anche perchè la speranza è ultima a morire.

 Cordialità

 Francesco Ghibaudi

13 gennaio 2012