Brillanti interventi dei Carabinieri della Compagnia di Tortona che al comando del capitano Domenico Lavigna proseguono senza sosta l’attività di controllo nel centro storico e in tutta l’area della Stazione Ferroviaria, intensificata nelle ultime settimane in concomitanza con il ponte del 1° maggio, che ha portato a sette arresti in sei giorni da parte dei Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Tortona.

[wp_bannerize_pro orderby="random" categories="322"]

Nella serata del 27 aprile, i Carabinieri hanno arrestato un 35enne e un 38enne, entrambi di origine marocchina, domiciliati in città, per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, segnalando, altresì, quali assuntori, un 46enne e un marocchino 25enne. I due arrestati sono stati individuati in due diversi momenti e sono ritenuti entrambi responsabili della cessione di dosi di cocaina ad assuntori. Inoltre, presso i domicili degli interessati, sono state rinvenute ulteriori dieci dosi di cocaina, per complessivi 10 grammi, un bilancino e circa mille euro in contanti. A seguito dell’arresto, i due sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Alessandria, dove il G.I.P. del Tribunale di Alessandria, al termine della convalida, ha disposto la custodia cautelare.


Due giorni dopo, il 29 aprile, i Carabinieri hanno arrestato due 43enni, domiciliati in Alessandria, per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. I due si stavano aggirando con fare sospetto nei pressi della Stazione Ferroviaria, quando sono stati controllati dai Carabinieri, che li trovavano in possesso di oltre 20 grammi di eroina e cocaina. Presso il loro domicilio, a seguito della perquisizione, veniva rinvenuta ulteriore eroina. Gli arrestati sono stati quindi condotti presso le rispettive abitazioni e, successivamente, dopo la convalida e su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Alessandria, sono tornati in libertà.

Il giorno seguente, i Carabinieri hanno arrestato un 18enne tunisino, senza fissa dimora, per tentata rapina e lesioni personali. Il giovane, con un complice ancora ignoto, dopo avere sottratto merce varia in un supermercato della zona, occultandola nello zaino, superava le cassa e aggrediva con calci, pugni e morsi il personale di vigilanza che cercava di fermarlo e che riusciva a trattenerlo fino all’arrivo dei Carabinieri. Il 18enne è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Alessandria e, al termine della convalida, il G.I.P. del Tribunale di Alessandria lo ha sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G..

Nella serata del 1° maggio, i Carabinieri hanno arrestato un 34enne rumeno, domiciliato in città, per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L’uomo, in evidente stato di ubriachezza, dopo avere creato problemi all’interno di un locale, ha aggredito i Carabinieri intervenuti su richiesta del titolare, procurando lesioni a uno di loro. Dopo l’arresto, è stato condotto presso il proprio domicilio, dal quale evadeva. Il Tribunale di Alessandria, il giorno seguente, ha convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di dimora in città, con permanenza notturna in casa. Il 2 maggio, i Carabinieri hanno infine sottoposto a fermo di polizia giudiziaria un 29enne marocchino, domiciliato in città, per rapina impropria, lesioni personali aggravate e porto abusivo di oggetti atti all’offesa. L’uomo, secondo le dichiarazioni acquisite da alcuni testimoni, aveva rapinato un connazionale nei pressi della locale stazione ferroviaria, asportandogli un cellulare e 200 euro in contanti, colpendolo con un taglierino al gluteo per guadagnarsi la fuga. Rintracciato, veniva sottoposto a fermo e condotto presso la Casa Circondariale di Alessandria. Il G.I.P., al termine della convalida, disponeva la liberazione.