Scongiurata la chiusura delle frontiere Ue con il nuovo allarme della variante Covid, ma dovrà essere istituita una nuova “zona rosso scuro” per indicare le aree ad alto rischio contagio. È quanto stabilito al termine della videoconferenza che ha visto riuniti giovedì pomeriggio i leader europei.

Gestione ambiente

Di fatto vengono sconsigliati i viaggi non essenziali nelle aree rosso scuro individuate in coordinamento con le autorità sanitarie europee. La decisione è stata presa perché l’ipotesi di una nuova chiusura delle frontiere di fronte all’allarme variante avrebbe fatto ripiombare l’intero vecchio continente nel caos, con enormi danni economico-operativi per il mondo dei trasporti e del turismo.


A chi parte da queste zone possono essere chiesti test prima di partire e la quarantena dopo l’arrivo, ha spiegato subito dopo la videoconferenza la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, specificando che l’Europa deve essere vista come “una zona epidemiologica unica”, su cui intervenire in modo mirato.

Andrea Lovelock

Il resto dell’articolo lo potete leggere al link: https://www.lagenziadiviaggi.it/variante-covid-ue-viaggi-limitati-nelle-zone-rosso-scuro/