Nella giornata di ieri, martedì 22 settembre, è stato inaugurato il nuovo impianto di ossigeno centralizzato presso il Piccolo Cottolengo di Tortona. Erano presenti Francesco Vittorio Viola Vescovo della Diocesi di Tortona,  Madre Maria Mabel Spagnuolo, il Sindaco di Tortona Federico Chiodi, il vice Fabio Morreale, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona Dante Davio, il presidente del Rotary Club Gavi-Libarna, Tortona, Acqui Terme, Novi Ligure, Ovada, Oreste Marchesi e, in rappresentanza dell’ ASL-AL Maria Teresa Ballarini .

Questo progetto nato in era pre-covid si realizza oggi, proprio quando il poter garantire la sicurezza respiratoria dei pazienti ricoverati a fronte di nuove possibili emergenze sanitarie è priorità assoluta.


 L’80% dei bambini ricoverati fa costantemente o periodicamente uso di ossigeno e fino

ad oggi l’ossigeno veniva erogato tramite grosse bombole trasportate su carrello e fornite ad personam dalle singole ASL di competenza.

Grazie al nuovo impianto verranno eliminati i vecchi bomboloni e l’ossigeno arriverà direttamente al letto di ogni paziente e alle zone ricreative.

Maggiore sicurezza ed efficacia terapeutica per i bambini ricoverati, maggiore sicurezza lavorativa per gli operatori e quindi importante salto di qualità di tutta la struttura.

Il progetto deve la sua realizzazione al contributo del Rotary Club Gavi-Libarna, Tortona, Acqui T., Novi L., Ovada che ha “adottato” i lavori di tutto il primo piano di degenza e della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona che si è fatta carico di tutto il secondo piano della struttura.